«

»

Mar 29

SAAB|news

Mr. Muller e Mr. Jonsson a Roma

Mr. Victor Muller e Mr. Jan Ake Jonsson immortalati di fronte all'Operà di Stoccolma (Photo Ccredit: Ttela)

I due big boss di Saab presenti a Roma per un incontro con i dealer…

Il Tour Mondiale per Mr. Victor Muller e Mr. Jan Åke Jonsson continua e dopo aver toccato Belgio e Spagna ieri sono stati presenti a Roma per delineare con tutto lo staff italiano ed i dealer della nostra penisola i prossimi obbiettivi del marchio e fornire risposte alle numerose domande dei concessionari negli ultimi mesi in balia dei mass-media. Presenti all’evento tutto italiano non solo i due big boss del brand scandinavo, ma anche Mr. Knut Simonsson Direttore Esecutivo del Brand e Marketing ed il nuovo Direttore Vendite Globali Mr. Adrian Hallmark (precedentemente in Volkswagen) e svariati manager svedesi. Un vero incontro di lavoro che ha richiesto l’intera giornata e ha dato la possibilità ai dealer di conoscere dal vivo le prossime intenzioni e le prossime strategie del marchio che rappresentano nel nostro paese. Mr. Muller Ceo del brand Spyker e nuovo proprietario di Saab ha delineato e chiarito la sua posizione, la sua passione ed il suo impegno per il marchio scandinavo, elementi che hanno colpito gran parte dei presenti ottenendo un gran appeal dallo staff italiano presente. Dei due manager di punta il primo a prendere la parola anche nella conferenza Stampa è stato Mr. Jan Åke Jonsson Ceo del brand scandinavo che ha ringraziato i media presenti all’evento ed ha dichiarato “Siamo felici di essere in Italia per questo meeting e siamo pronti per la prossima fase. La transazione fra Saab e General Motors si è conclusa nel migliore dei modi e alla fine di questo weekend è iniziata la produzione della prima vettura a Trollhättan. Siamo orgogliosi di questo primo passo, che rappresenta qualcosa di molto importante per il marchio svedese. Oggi possiamo tranquillamente affermare che il momento creitico è passato e possiamo guardare al futuro con ottimismo”. Un futuro sempre più luminoso per Saab che si preannuncia come sappiamo carico di novità, riproponiamo in merito le parole del Ceo Svedese Mr. Jonsson “Saab è un brand automobilistico premium indipendente, la sua gamma comprenderà: la 9-3 (Sedan, SportHatch e Cabrio), la 9-5 (Sedan e SportHatch) e la 9-4X (il nuovo piccolo Suv). Non solo una piccola aggiunta, ma un completo rinnovo dell’intera gamma che avverrà frà quest’anno ed il 2012, con nuovi ibridi”. Mr. Victor Muller vero personaggio trainante dell’evento ha colpito sia la stampa presente sia i vari dealer ufficiali dimostrando un grande carisma ed una vera passione per il settore dell’automotive.

Durante la conferenza stampa Mr. Muller ha chiarito “Saab e Spyker operano separatamente, ciascuno focalizza i propri impegni su prodotti distinti e segmenti differenti”. Non solo passione e carisma sono stati gli elementi vincenti del Ceo olandese, ma anche un pizzico di fortuna “Siamo stati fortunati ad aver avuto una gamma completamente rivista dal precedente proprietario General Motors, con un design sofisticato, provocante e minimale. Non abbiamo difficoltà a far conoscere il brand, Saab è un marchio forte e famoso, che non ha sofferto della crisi. Saab per sei settimane non ha prodotto vetture e quest’anno vogliamo superare le sessantamila automobili. La ristrotturazione della rete vendita permetterà di sostenere il marchio e fornire un miglior servizio, anche in un mercato importante come quello Statunitense”, affermazioni che hanno preoccupato alcuni dealer italiani, sembra che la strategia aziendale veda nel futuro una più attenta selezione dei concessionari ufficiali, per dare maggiore appoggio ai migliori presenti in modo da regalare maggiori attenzioni alla fedele clientela. Mr. Muller pressato dai giornalisti presenti ha ribadito “Saab era una filiale del gruppo di Detroit e non ha mai avuto un bilancio proprio è rimasta sempre inglobata all’interno dei dividenti di General Motors” tale situazione infatti dimostra quanto sia difficile testimoniare se tale accorpamento poteva dare solo elementi positivi al marchio scandionavo. Sul piano occupazionale non sembra esserci crisi e fortunatamente i prossimi business plan che vedono un piccolo ampliamento di gamma hanno portato nuove assunzioni e 700 impiegati sono pronti ad aggiungersi ai 3500 dipendenti già presenti a Trollhättan. Un ottimo inizio anche per la sede Italiana che in questi giorni lancerà una nuova campagna pubblicitaria di tutto rispetto…

Lascia un commento