«

»

Ott 06

SAAB|news

La trazione integrale elettrica: una Rivoluzione

Uno schema esplicativo realizzato da Nyteknik sulla trazione integrale Saab (Photo Credit: Nyteknik.se)

Solo note positive per la nuova Xwd elettrica…

La testata giornalistica svedese Nyteknik ha pubblicato un nuovo articolo dedicato alla trazione integrale elettrica che Saab e American Axle Manufacturing (Aam) stanno sviluppando dopo l’annuncio della nuova collaborazione siglato il 24 Settembre. I commenti positivi su questa innovazione non mancano e paragonano la nuova trazioen elettrica alla conosciuta libreria Billy del colosso svedese Ikea, famosa per la sua praticità e per la sua economicità. La nuova eXwd elettrica riportando le parole di Nyteknik si rivela: più economica, più leggera, flessibile, facile da installare, con componenti standard progettati per adattarsi alla maggior parte dei veicoli.

Quale sia l’obiettivo della nuova società e-Aam è chiaro offrire ai costruttori automobilistici un’alternativa ecologica e più funzionale della trasmissione meccanica integrale disponibile oggi. Il sistema ideato è basato su un asse posteriore a trazione elettrica, che migliora la tenuta di strada della vettura e fornisce una potenza extra in fase di accelerazione. Questa innovazione al contrario di quanto si pensa è stata sviluppata da Saab in gran segreto nel 2007 e uno degli Ingegneri coinvolti dall’inizio nel progetto Mr. Erik Sten ha infatti confermato “Questa è la più grande innovazione sviluppata da Saab dall’epoca del Turbo!“.

Il quadro dipinto dagli ingegneri svedesi è più che eccellente, sembra che la nuova tecnologia possa essere adottato da tutte le automobili prodotte nel mondo e ottenere una trazione integrale che nulla a da invidiare a quella meccanica. La prima vettura al mondo ad adottare questa trazione integrale elettrica sarà la prossima generazione della Saab 9-3 prevista trà due anni. Il mercato della trazione integrale è cresciuto ogni anno dal lancio della prima vettura a quattro ruote motrici la Audi Quattro del 1980, oggi tutte le case automobilistiche offrono vetture a trazione integrale e per molte di queste l’azienda che produce questo genere di supporto è la svedese Haldex. Le quattro ruote motrici raddoppiano la trazione della vettura sulle superfici difficili e forniscono una migliore trazione sui pendii innevati, specialmente se l’automobile traina un rimorchio. I più avanzati sistemi di trazione integrale sono in grado di assegnare la trazione alle ruote che ne hanno più bisogno, come ad esempio le ruote esterne in curva. Lo svantaggio principale della trasmissione integrale meccanica è l’aumento di peso del veicolo fino a raggiungere circa 100kg, inoltre si riscontra un maggior consumo di carburante di circa il 10% superiore ai veicoli privi di tale trazione.

L’innovazione sviluppata da Saab supera molti di questi svantaggi il sistema elettrico comprensivo di batteria non supera i 60kg e reagisce più velocemente rispetto ai sistemi meccanici, oltre ad aumenta la sicurezza. Il sistema elettrico aiuta il conducente a rimanere in strada sulle strade sdrucciolevoli mediante il controllo individuale della coppia, ma forse il più grande vantaggio è la riduzione del consumo di carburante. Rispetto ad una trasmissione meccanica a quattro ruote motrici la nuova tecnologia Saab permetterà di risparmiare tra il 14 e il 30% di carburante dichiara Mr. Magnus Ryde Direttore Marketing di e-Aam. Questo risparmio è dovuto al motore elettrico che viene alimentato dal recupero dell’energia prodotta durante le frenate (come nel sistema Kers delle vetture da Formula1), questo permette al motore a combustione interna si non gravare sulla trazione integrale. Mr. Anders Tysk ex Responsabile del progetto iniziato nell’era General Motors dichiara: “La potenza del motore elettrico è di circa 15kw, più che sufficiente per superare qualsiasi normale situazione riscontrata da un normale automobilista” inoltre come conclude Mr. Tysk “Il sistema non è solo un sostituto della trazione integrale meccanica, ma getta le basi per sviluppare nuove caratteristiche legate alle future motorizzazioni”.

Lascia un commento