Nov 15

Il confronto Saab 9-5 vs Infiniti M37s

Una foto che ritrae le due premium Saab 9-5 e Infiniti M37s messe a confronto dall'irriverente testata inglese (Photo Credit: Top Gear)

Una sfida targata Top Gear…

La famosissima testata automobilistica inglese Top Gear ha recentemente pubblicato una sfida trà due vetture premium fuori dall’ordinario: la nuova ammiraglia svedese Saab 9-5 Sedan My2010 e la giapponese Infiniti M37s. L’intero confronto sarà disponibile sul nuovo numero del Top Gear Magazine, ma con questo articolo vogliamo fornirVi un primo scorcio del test inglese. Di seguito Vi lasciamo all’articolo steso da Top Gear che siamo sicuri stupirà e accenderà l’interesse degli appassionati del brand svedese.

Volete un ammiraglia? Pensate subito ad una tedesca Bmw Serie 5 vero? Una vettura premium e fashion, un concreto prodotto di sicura immagine e dotato di brillanti propulsori Diesel e Benzina, ma la Serie 5 non è in questo test.

Non è una svista, ma la Serie 5 non è in questo confronto perché, anche se ci sono numerosi argomenti razionali a suo favore, ci sono altri elementi che fanno prediligere una vettura piuttosto che un altra. Alcune persone ascoltando le esaltate virtù di una Bmw 530d annuiscono saggiamente, ma rispondono: “Si certo, ma io… Non sono un cliente Bmw”, questo articolo è dedicato a coloro che si sentono, a torto od a ragione, elitarii e vedono il brand bavarese come un marchio troppo aggressivo e fashion. Le tradizionali rivali della Serie 5 sono Mercedes-Benz Classe E ed Audi A6, ma non rappresentano la più adatta alternativa a questo tipo di clientela. Oggi poi le linee aggressive e sportive hanno contagiato anche Mercedes ed Audi sembra apparire come una scelta improbabile e quindi? Che rimane?

I profili delle due berline premium l'Infiniti M37s e la Saab 9-5 My2010 Sedan (Photo Credit: Top Gear)

Questo articolo è dediato a tutti coloro che sono alla ricerca di una vettura premium di tutto rispetto fuori dal comune. Per visionare due valide alternative ai brand più blasonati bisogna recarsi in due luoghi opposti sul pianeta: Svezia e Giappone con la nuova Saab 9-5 e l’Infiniti M37s. Entrate nel settore premium dove i marchi teutonici la fanno da padrone, ecco se questo test fosse un film, sarebbe un film indipendente.

Seguendo questa teoria ci siamo recati un pomeriggio in una foresta dell’Inghilterra, con un caldo sole autunnale, foglie svolazzanti come fiocchi di neve, un profumo inebriante di rovere ed una gentile brezza con due vetture che rappresentano qualcosa di fuori dall’ordinario delle berline esclusive.

Da ricordare poi che la 9-5 è un piccolo miracolo, lo scorso inverno, General Motors aveva dato un paio di settimane di vita a Saab prima della chiusura definitiva, ma Spyker con la sua offerta l’ha salvata in extremis.

Una Saab 9-5 My2010 Sedan all'inseguimento della giapponese Infiniti M37s (Photo Credit: Top Gear)

Spyker non può rivendicare il merito ottenuto da questa vettura, ma ha potuto lanciarla sul mercato. La 9-5 è stata ideata, costruita e definita da General Motors e anche nel vano motore si possono riconoscere vari oggetti marchiati Gm. Saab afferma che questa 9-5 è il suo prodotto più originale dalla 9000 lanciata a metà degli anni Ottanta ed oltre il 70% dei componenti della nuova 9-5 sono unici. C’è sicuramente un sacco di componentistica, ma in sostanza la 9-5 proviene dalla stessa piattaforma dell’Insigna Lwb opportunamente allungata e rivista, la nuova 9-5 misura poco più di cinque metri un sacco di carrozzeria con cui giocare, ma la sua linea filante maschera la pesantezza delle sue misure e alcuni particalari retrò la rendono sicuramente affascinante.

L’Infiniti M37s vanta un patrimonio meno impegnativo, ma un immagine più impegnativo. Sembra che Infiniti abbia incaricato tre progettisti per elaborare la sua linea e dopo aver ricevuto le tre indipendenti proposte completamente contrastanti trà loro ha deciso di unirli in un unica vettura: la M37s. Questo modello assomiglia molto ad una Panamera allungata verso l’alto, che stranamente non stona e si rivela una buona trovata.

Forse saremo troppo eccessivi definendo la giapponese Inifiniti, ma se Saab può prendere spunto dalla sua storia e dall’atmosfera svedese, Infiniti non ha (almeno in Europa) un patrimonio da evocare per la sua ammiraglia.

L'interno della Saab 9-5 My2010 Sedan inglese a disposizione della testata Top Gear (Photo Credit: Top Gear)

Ad una prima occhiata la 9-5 risulta forse troppo semplice a differenza dell’Inifiniti che sembra audace e moderna, ma è difficile cancellare dalla mente l’idea che l’auto giapponese si stia imbarcando in un settore troppo duro, ma vediamole in evidenza. Fissando intensamente le vetture siamo certi che la linea quasi mascolina della M37s risulterà preferita dal pubblico giovane ed a bordo i sensori che avvolgono i passeggeri risultano sempre efficenti anche se invadenti come il segnale di mancato allaccio delle cinture di sicurezza. L’interno ribalta le convinzioni della linea esterna, i più giovani potrebbero apprezzare l’abitacolo della 9-5. Il suo cruscotto simile ad una limousine di lusso molto serioso unito alla sua console centrale infonde sicurezza ad una prima occhiata. Sulla 9-5 abbiamo contato 70 pulsanti, manopole, ecc escludendo il navigatore touch screen switch, troppi? Ma la pulizia è dietro l’angolo e la funzione “Nightpanel” ripulisce la console e il cruscotto evidenziando solo il contachilomentri e gli indicatori necessari. Saab è stata spesso colpevole di proporre soluzioni aeree all’interno delle sue vetture, ma in una notte buia l’effetto di questo sistema è incredibilmente cool.

Il sistema più interessante proposto da Infiniti è dedicato ad un altro aspetto sensoriale. Dopo quello visivo di Saab, Infiniti propone il pulsante “Air Forest” che infonde un profumo di pino rilassante attraverso il proprio sistema di condizionamento dell’aria. Sicuramente molto bello se intrappolati nel traffico, superfluo se si viaggia in una foresta, c’è da pensarci bene, escludere questo optional e viaggiare in mezzo la natura è forse il modo migliore per risparmiare qualche sterlina.

Gli interni dell'Infiniti M37s dalla stessa angolazione della foto precedente (Photo Credit: Top Gear)

Anche se non così tanti come sulla Saab, l’Infiniti M37s propone una sconcertante serie di interruttori. Il più strano di questi è posto sulla base della consolle centrale veloce da trovare ed è la modalità “Eco”. Sembra di avere una pallina da tennis sotto il pedale dell’accelleratore e non è solo una sensazione. Attivando questa modalità una gobba cresce sotto il pedale dell’accelleratore diminuendo la corsa del pedale e garantisce un maggiore risparmio di carburante.

Non è molto semplice essere “Eco” con l’Infiniti M37s, è attualmente disponibile solo con la motorizzazione 3.7 aspirato V6 adottato anche dalla Nissan 370Z (e dalle Infiniti Ex e Fx il Suv del brand). Una scelta interessante per un’ammiraglia di lusso, che con il suo propulsore dotato di grande coppia ai bassi regimi favorisce una scontrosa ripresa. Insomma se si preme a fondo l’acceleratore dell’Infiniti, dopo una frazione di secondo si sente un kick down e la vettura si lancia in avanti come un maiale appena marchiato a fuoco. Divertente, certo, ma il V6 non è forse adatto ad un auto che vuole coprire la maggior di chilometri in autostrada. Il 3.0 Diesel V6 da 235cv (diponibile sulla crossover Ex) che sarà adottato trà un paio di mesi dovrebbe essere più adatto.

Il retro in evidenza dell'Infiniti M37s all'inseguimento della Saab 9-5 durante il test (Photo Credit: Top Gear)

Anche con quel propulsore non sarà mai una vettura rilassante da guidare, il comportamento dello sterzo è allarmante e risponde al minimo movimento del volante con conseguente cambio di direzione, una notizia eccellente anche con trazione integrale che mantiene la vettura più stabile alle alte velocità, ma la pronuncia nervosa dell’Infiniti la fa sembrare instabile in autostrada. A ciò si aggiunge un kick down che potrebbe essere meno generoso, colpa delle ruote con cerchi da 20 pollici, beh se avete voglia di fare una rotatoria spericolata la M37s Infiniti è la vostra auto, su asfalto o sullo sterrato polveroso con controllo di trazione disattivato si rivela estremamente cattiva.

Saab non si intraversa, nessuna cattiveria allarmante o nervosa. La 9-5 è priva di qualsiasi intenzione sportiva anche se sarebbe benvenuta. Saab non ha deciso di creare una diretta concorrente della Bmw 530i, ma le intenzioni sportive sembrano piano piano crescere, le foto ufficiali mostrano una 9-5 in pista, forse l’influenza olandese sta venendo fuori?

Saab conferma che il 2.8 litri V6 a Benzina Twin-Turbo sarà il più sportivo propulsore adottato su una 9-5, e promette di lanciare le due tonnellate di massa a 100kmh in pochi secondi (sei e mezzo), ma tali dati sembrano inadeguati. La 9-5 non sembra assetata come l’Infiniti, ma per un confronto completo bisognerebbe attendere un propulsore Diesel per la giapponese ed un più pepato gasolio sulla vettura svedese, non il propulsore da 160cv già disponibile, ma un più prestazionale 200cv Twin-Turbo che arriverà presto e speriamo possa rendere efficente e veloce la massa della 9-5.

Il retro in evidenza della Saab 9-5 My2010 Sedan e l'Infiniti M37s in lontananza (Photo Credit: Top Gear)

Per ora, nonostante, o forse proprio per, i suoi difetti, la Saab rimane la vettura più affascinante. L’Infiniti è probabilmente la vettura più completa, ma sperare di contrastare la Serie 5 con queste specifiche almeno non può essere possibile.

La 9-5 è molto lontana dall’essere perfetta, in realtà è buona in diversi settori rispetto alle sue concorrenti di questo segmento, la sua potenza irregolare e lo sterzo pigro sembrano errori di gioventù e per gli interni anche se il confronto con le tedesche è duro, sono sicuramente una buona notizia rispetto al passato.

La Saab 9-5 in corsa sullo sterrato durante il test (Photo Credit: Top Gear)