Gen 25

Intervista a Mr. Mats Fägerhag

Mr. Mats Fägerhag Direttore Esecutivo dello Sviluppo dei prodotti per Saab Automobile Ab intervistato a Trollhättan (Photo Credit: Ttela)

Dopo l’annuncio la prima intervista…

Ovviamente dopo l’annuncio ufficiale da parte di Saab Automobile Ab e la pubblicazione del suo comunicato stampa, i media locali in Svezia non hanno perso tempo e sono riusciti ad intervistare i Responsabili del nuovo reparto Saab Automobile Engineering. La testata svedese Ttela presso la sede centrale di Trollhättan ha intervistato Mr. Mats Fägerhag Direttore Esecutivo dello Sviluppo dei prodotti per Saab Automobile Ab. L’atmosfera si rivela distesa e speranzosa il futuro grazie a queste riorganizzazioni appare ottimo per Mr. Fägerhag che riconferma le informazioni fino ad ora pubblicate.

Saab ha riorganizzato il suo Ufficio Tecnico ed il suo reparto di Sviluppo che prima erano inglobate nella struttura del colosso americano General Motors ed alcuni uffici impegnati nello sviluppo di propulsori elettrici ed ibridi erano troppo piccoli. “Stiamo preparando la prossima generazione di modelli Saab e stiamo attuando un trasferimento delle specifiche competenze” esordisce il Direttore Mr. Mats Fägerhag ai microfoni di Ttela. La nuova organizzazione è una necessità non solo amministrativa, ma fondamentale per lo sviluppo dei nuovi prodotti di Saab e tali operazioni potranno essere concentrate nella sede di Trollhättan come conferma Mr. Fägerhag “Alcuni settori ed alcune competenze erano state spostate in varie zone dell’Europa e dislocate anche fuori dal vecchio continente con General Motors”.

“Durante lo scorso anno abbiamo iniziato a rivedere il nostro reparto ed abbiamo cominciato a cambiare, con l’assunzione di 35 nuovi ingegneri, ora il reparto di Sviluppo ha un approccio più ampio e completo di tutto l’intero processo” ha continuato Mr. Mats Fägerhag “Si stima che abbiamo un ulteriore bisogno di altri 35 tecnici altamente qualificati questo anno” ammette Mr. Fägerhag. Un rilancio del settore senza pari questo ideato e proposto concretamente dal brand scandinavo che sembra però essere temporaneo, i contratti non prevedono un incarico a tempo indeterminato “Non si tratta di licenziamenti, ma solo di offerte che richiedono una partecipazione completa, tale da superare il gap tecnologico creato con i concorrenti, quando l’anno sarà finito il reparto di Ingegneria sarà il migliore dopo molti anni”.

Lo scambio delle competenze è necessario con i propri partner e le nuove tecnologie possono aiutare notevolmente il lavoro. L’aumento della simulazione al computer ha aiutato lo sviluppo dei nuovi modelli “In precedenza le elaborazioni virtuali erano dedicate solo ai prototopi, oggi seguono l’intero sviluppo dal prototipo alla pre-produzione”. Attualmente non si dispone di un know-how del settore Elettrico legato all’automotive e tale gap dovrà essere presto superato, ma uno dei punti fondamentali per il nuovo reparto Saab Automobile Engineering sarà la creazione di una nuova architettura flessibile che possa adattarsi a diverse vetture “un architettura comune a tutti i modelli Saab” secondo Mr. Fägerhag una piattaforma utile non solo per la prossima 9-3, ma anche per le future versioni della 9-5 e 9-4X e forse per la piccola 9-2. Forse non la stessa piattaforma, ma i componenti ed i sistemi ideati per un modello potrebbero essere utilizzati anche per altre vetture del marchio svedese, “Un po’ come una costruzione Lego” conclude con un sorriso Mr. Mats Fägerhag.