«

»

Mag 19

SAAB|news

Mr. Victor Muller parla con i dipendenti a Trollhättan

Mr. Victor Muller immortalato durante il suo discorso alla forza lavoro di Trollhättan (Photo Credit: Saab Automobile Ab)

Il discorso di Mr. Muller…

Dopo l’accordo saltato con il costruttore cinese Hawtai Motor Group e dopo il recente annuncio di una nuova partnership siglata con Pang Da Automobile On il Presidente di Saab Automobile Ab Mr. Victor Muller ha voluto descrivere l’attuale situazione di Saab e chiarire al meglio la vicenda per primo ai propri dipendenti a Trollhättan. Grazie alla testata svedese Ttela e al blog ufficiale del marchio svedese possiamo conoscere il discorso completo del manager olandese che non si è nascosto dietro un comunicato stampa, ma ha voluto presentarsi faccia a faccia con il proprio personale. La riunione con tutta la forza lavoro della sede centrale Saab di Trollhättan è stato effettuato Martedì 17 Maggio alle ore 12:30.

Mr. Victor Muller ha iniziato il proprio discorso con le proprie scuse personali a tutto il personale per averlo messo in questa situazione. Il manager olandese durante il discorso ha citato l’impegno preso con l’ex Ceo di Saab Mr. Jan Åke Jonsson quando acquistò l’azienda lo scorso anno: non avrebbe lasciato la società in cattive acque e non vuole rimangiarsi le proprie promesse. Naturalmente, questa è una situazione completamente diversa da quella all’inizio del 2010 perché Saab è nuovamente indipendente. “Mi hanno portato in questa situazione, ma ho voluto tirarmi fuori e risollevare con me tutta l’azienda” chiaramente la voce di Mr. Muller risulta carica del fardello che pesa sulle sue spalle, ma l’ottimismo del manager non è scemato. Mr. Muller ha rincuorato tutti i dipendenti e significativi momenti incoraggianti stanno dando i risultati sperati, come ad esempio le positive recensioni in America della nuova Suv media Saab 9-4X My2011 “E’ stato un brutto momento per Saab, ma segnali incoraggianti ci sono”.

La folla dei dipendenti Saab presenti presso la sede svedese di Saab immortalati durante il discorso di Mr. Muller (Photo Credit: Saab Automobile Ab)

Parlando della copertura stampa presente durante tutta la vicenda Saab Mr. Muller ha chiarito che tale attenzione e tali critiche rivolte alla società svedese sono state possibili solo ed esclusivamente perché gli è stata data la possibilità di farlo da parte della stessa azienda. Commentando l’accordo saltato con la cinese Hawtai Motor Group il manager olandese ha indicato che c’erano diversi potenziali pretendenti quando l’accordo è stato annunciato e Hawtai aveva un grande potenziale, ma la tempestività della partnership non ha dato modo alle strutture chiamate a regolamentare tali collaborazioni di pronunciarsi nei termini utili. La velocità ha fatto saltare l’accordo a quanto pare e gli stessi dirigenti di Hawtai si sono dimostrati dispiaciuti di non poter completare l’affare. “La chiusura di questo accordo ha segnato un momento molto sfortunato per Saab, ma ha dato la possibilità a tutto il management di imparare dai propri errori ed ha aperto un secondo tempo certamente migliore per l’azienda” ha chiarito Mr. Muller.

Il nuovo partner cinese Pang Da renderà il lavoro estremente positivo perché si occuperà della vendita e della distribuzione dei prodotti Saab in Asia lasciando alla società svedese più tempo per le strategie organizzative e per aumentare il proprio business, ad esempio l’acquisto delle vetture made in Trollhättan da parte di Pang Da non richiede nessuna regolamentazione governativa e fornisce subito nuovi utili al marchio svedese necessari in questo momento. “E’ troppo presto per descrivere le conseguenze a medio/lungo termine dell’accordo con Pang Da, ma come in tutte le sfide, ci sono anche diverse opportunità e l’accordo con la società cinese presenta tali occasioni”.

“I negoziati con i fornitori sono necessari per accellerare la ripresa della produzione ed evitare diverse settimane di fermo delle attività prima di ricominciare”. Mr. Victor Muller ha affermato che è consapevole del fatto che Saab opera in un ambiente controllato e chiunque puo’ visionare quello che il brand sta effettuando. “Dobbiamo prendere provvedimenti e costruire un adeguata organizzazione in modo da risultare protetti ed evitare questo tipo di situazioni”. Come lo scorso processo di vendita da General Motors, la situazione recente ha dimostrato che la fedeltà e l’impegno dei dipendenti Saab è inossidabile ed il manager olandese non lo ha dimenticato esprimendo una profonda gratitudine per la loro lealtà e ha promesso di ricompensarli ricreando una società sana. Egli continuerà a ricercare nuovi partner che potrebbero contribuire a costruire la stabilità commerciale di Saab ed ha concluso “Mai, Noi non rinunceremo Mai!”.

Lascia un commento