«

»

Giu 07

SAAB|news

Doppio Test: Saab 9-3 Sport Sedan Hirsch vs Volvo S60

Le due vetture svedesi in test la nuova Volvo S60 e l'edizione speciale per Singapore Saab 9-3 Sport Sedan Hirsch (Photo Credit: OneShift)

Un confronto “svedese”…

La testata OneShift di Singapore ha potuto saggiare le qualità di due svedesi concorrenti nel settore delle medie premium: la Saab 9-3 Sport Sedan Hirsch e la Volvo S60 nuova generazione. Un confronto impari? Le due auto sono certamente diverse, ma forse proprio il loro segmento e la loro provenienza ha dato l’occasione alla testata di ideare questo doppio test drive. Ecco di seguito la prova su strada pubblicata da OneShift.

Introduzione

I due grandi produttori di auto svedesi, Saab e Volvo non hanno avuto momenti particolarmente positivi negli ultimi anni a causa dei problemi economici affrontati dai loro precedenti proprietari, General Motors per Saab e Ford per Volvo. Durante il picco della crisi finanziaria, General Motors e Ford stavano disperatamente cercando di eliminare ogni perdita ed incrementare le proprie finanze così decisero di vendere i due brand svedesi Saab e Volvo. Sebbene entrambi sono stati venduti con relativa velocità, gran parte dei loro sforzi sono iniziati subito dopo. Volvo è stata acquistata dalla casa automobilistica cinese Geely e rappresenta chiaramente la transizione più riuscita tra le due svedesi. Oggi Volvo è di nuovo “in pista” grazie al successo ottenuto dal lancio di alcuni nuovi modelli come la media S60 e dalla stabilità finanziaria di Geely. Saab invece è stata acquistata dall’olandese Spyker, che non è esattamente in un ottima condizione finanziaria, ma ha già lanciato sul mercato la nuova ammiraglia 9-5. Dopo una recente crisi finanziaria Spyker come Volvo è sbarcata in Cina alla ricerca di un partner adeguato ed ha trovato Pang Da Automobile On con cui ha stretto una joint venture ed ha riavviato la propria produzione grazie ai finanziamenti cinesi. La prova concreta della mancanza di fondi in Saab è senz’altro la gamma che propone cicli di vita abbastanza lunghi, la scorsa 9-5 ad esempio è rimasta sul mercato ben 13 anni prima di vedere una nuova generazione ed anche la 9-3 sembra seguire questa tendenza. Un restyling è stato effettuato nel 2007 dopo il lancio nel 2002.

Ancora una foto delle due medie premium svedesi la Saab 9-3 Sport Sedan Hirsch e la nuova Volvo S60 (Photo Credit: OneShift)

Dopo quattro anni dal restyling non c’è stato ancora nessun teaser della nuova generazione della 9-3, così l’importatore Saab di Singapore Eurokars Trans ha lanciato sul mercato locale una nuova edizione speciale della media premium di Trollhättan con l’intenzione di svecchiare il modello e ravvivare l’interesse del grande pubblico. Il modello della 9-3 Sport Sedan disponibile è stato personalizzato da Hirsch Performance Ag il tuner ufficiale del brand scandinavo che ha messo mano alla 9-3 Vector 2.0t a Benzina. Non è la prima volta per Eurokars Trans che già alcuni anni fa aveva proposto sul mercato locale una 9-3 “Troll” con alcuni particolari sportivi.

Con il lancio di questa speciale 9-3 è partita la domanda principale “La nuova edizione della Saab 9-3 può competere con la nuova generazione della Volvo S60?“, abbiamo cercato di dare una risposta a questo dubbio con un doppio test.

La seconda generazione della Volvo S60 non potrebbe essere rivoluzionaria come il suo precedente modello introdotto nei primi anni 2000. La S60 rimane fedele a se stessa grazie ai dettagli tradizionali che Volvo evidenzia nei propri modelli, come ad esempio gli inserti cromati sulla mascherina anteriore o i fianchi sporgenti, una caratteristica unica nel suo genere che permette di riconoscere subito Volvo dal suo profilo. Il suo profilo viene ulteriormente  accentuato dall’elegante montante posteriore inclinato, dal grande parabrezza e dal retro relativamente corto che gli conferiscono una linea quasi da coupè. Volvo delinea chiaramente la sua concezione di coupè a quattro porte ed a differenza di molte altre vetture rimane fedele allo stile proposto sulla concept car che ha anticipato il modello di serie a Detroit nel Gennaio 2009.

Motori e Design

Accanto alla S60, la 9-3 sembra davvero filante, grazie anche ad alcuni particolari presentati per la prima volta sulla concept car Aero X. Se l’auto nel suo complesso sembra la stessa dal suo primo lancio il restyling ha portato modifiche al 70% dei suoi elementi e sono stati rivisti le linee anteriori, i gruppi ottici sia anteriori che posteriori, il cofano ora a conchiglia, il portellone posteriore ed i paraurti. Con il suo nuovo volto la 9-3 appare più moderna e diversa dalle concorrenti, ma posizionata a fianco della nuova S60 mostra la sua età. La vettura Hirsch non ha numerose caratteristiche distintive dal modello base che è una 9-3 Vector 2.0t e la più evidente è certamente la striscia lunga tutta la vettura che ripropone i colori della bandiera svedese il blu ed il giallo. L’edizione limitata per il Singapore è proposta con il 2.0t a Benzina che di standard propone 150cv con 240Nm, rivisto per l’occasione da Hirsch e capace dopo le cure del tuner di erogare 195cv e 310Nm dallo stesso propulsore a quattro cilindri. Con la maggiore potenza e la superiore coppia, la 9-3 Hirsch sorprende chiaramente a differenza del normale 2.0t ed è capace di scattare da 0 a 100km/h in soli 8,2 secondi, guadagnando ben 2,5 secondi dalle prestazioni originarie. La velocità massima è di conseguenza aumentata da 210 a 230km/h come la sua cugina Volvo. Per inciso, la S60 2.0T non solo propone la stessa velocità massima, ma anche lo stesso scatto da 0 a 100km/h. Il propulsore della S60 è ad iniezione diretta turbo ed è proposto anche su diversi modelli Ford, come l’attuale Mondeo e Galaxy. Proprio come nei modelli Ford, il motore produce 203cv e 300Nm già a 1750 giri, valori paaragonabili a quelli proposti dalla “vitaminizzata” Saab.

I due frontali delle due vetture svedesi Volvo S60 e l'edizione speciale per Singapore Saab 9-3 Sport Sedan Hirsch (Photo Credit: OneShift)

Sia Volvo che Saab propongono un propulsore da 2 litri capaci di offrire prestazioni più che sufficienti nel traffico di Singapore. Su strada, entrambi i motori regalano una coppia interessante ed il motore Volvo sembra il più reattivo dei due alle basse ed alle medie velocità, grazie ai suoi 300Nm erogati già a soli 1750giri contro i 310Nm a 2500giri di Saab. Rispetto al motore Volvo, il propulsore Saab ha bisogno di pochi più giri prima di sorpassare l’S60. I motori Saab a quattro cilindri non sono davvero conosciuti e la 9-3 può sembrare un tantino ruvida durante l’accellerazione, ma l’unità Volvo suona meno burbera ed appare relativamente più raffinata rispetto ai vecchi motori Volvo.

La S60 con trazione anteriore e motore 2.0T di Volvo dotato di cambio automatico a sei marce Powershift (la stessa doppia frizione Powershift è a disposizione anche delle più piccole C30 ed S40) e si rivela ottimo i tempi di cambiata sono così bassi da sembrare fulminei. Il cambio Saab non è così positivo come il suo concorrente ed il paragone tra il classico convertitore automatico di coppia a cinque rapporti di Saab e quello a doppia frizione di Volvo è davvero penalizzante per la prima. Anche se può apparire “vecchio” nelle specifiche il cambio automatico Sensotronic di Saab funziona abbastanza bene con il motore turbo e riesce a trasferire l’adeguata potenza all’asse anteriore quando necessario. Disponibile su Saab anche i comandi a volante +/- per coloro che non vogliono lasciare il volante in  ogni condizione.

La seconda generazione della S60 potrebbe non essere la vettura più dinamica della sua categoria (tale podio è ricoperto dalla Bmw Serie3), Volvo però, afferma che la nuova S60 è la sua vettura più sportiva mai costruita, una dichiarazione più che credibile conoscendo le carenze dinamiche della precedente S60. Lo sterzo della S60 appare più robusto e deciso rispetto alle altre Volvo sul mercato e risponde velocemente agli input del conducente. Lo sterzo di Saab a confronto con la cugina Volvo appare poco più vago, ma risulta assolutamente gratificante sul misto. L’handling delle vetture è ragionevolmente positivo su entrambe senza particolari difetti. La trazione anteriore su entrambe le auto e lo slittamento delle ruote su superfici non aderenti è cancellato dai sistemi elettronici di stabilità di cui sono dotate sia Saab che Volvo. A velocità di crociera, Volvo offre una guida più tranquilla e Saab soffre leggermente dell’insonorizzazione dell’abitacolo ecco perché la S60 appare di poco più rilassante nei lunghi viaggi.

Interni

La Saab 9-3 mostra subito la sua età appena salite a bordo forse per i colori scuri, certamente gli appassionati adoreranno il design aeronautico dell’abitacolo, ma non si piò negare che l’età e la qualità dei materiali sono da migliorare. Il quadro strumenti di Saab è davvero troppo datato ed il supporto multimediale fornito (dotato di navigatore satellitare) non si adatta affatto allo stile del cruscotto. Piccoli elementi in alluminio anche sulle bocchette dell’aria aggiungono piccoli tocchi di carattere alla scura console, ma l’età del progetto si sente. Nota positiva è il freno a mano che Saab è riuscita ad integrare perfettamente e nascondere ad una prima occhiata.

L'abitacolo della edizione speciale per Singapore Saab 9-3 Sport Sedan Hirsch (Photo Credit: OneShift)

L’abitacolo completamente nuovo della seconda generazione S60 appare infinitamente più attuale di Saab. L’interno offre stile e semplicità al tempo stesso e la firma del design Volvo è sempre presente anche sul nuovo schermo Lcd montato al centro del cruscotto. Ogni dettaglio dell’audio, del clima e del navigatore sono disponibili sullo schermo al centro della console e ogni comando od interruttore sono posizionati il più vicino al conducente l’ergonomia è davvero un punto fondamentale per le svedesi. I sedili anteriori sono ancora un metro di paragone nel settore e risultano davvero comodi. Nella parte posteriore, Volvo offre maggiore spazio alle gambe dei passeggeri mentre Saab offre più spazio agli occupanti posteriori grazie alla linea del tetto non così spiovente come nel caso di Volvo. Il bagagliaio della S60 è ben modellato, ma manca di spazio in profondità, fortunatamente gli schienali dei sedili posteriori sono abbattibili con un semplice movimento di una leva nel bagagliaio, ma Saab batte la sua cugina grazie ad una maggiore profondità ed un apertura più ampia.

L'abitacolo della nuova Volvo S60 (Photo Credit: OneShift)

Conclusione

Nel complesso la qualità di costruzione ed il lusso percepito nella S60 rappresentano un concreto passo in avanti di Volvo rispetto alla sua precedente versione ed i suoi interni sono qualitativamente migliori rispetto a Saab grazie alle superfici morbide al tatto ed agli inserti curati sulla leva del cambio e sulla console centrale. Gli svedesi sono svedesi, e la sicurezza è davvero alta sia su una che sull’altra vettura segno concreto che il tema safety è all’ordine del giorno in Scandinavia, ma Volvo offre con il suo nuovo sistema di anti collisione City-Safety un maggiore punto a favore rispetto a Saab.

La Saab 9-3 Sport Sedan personalizzata da Hirsch si può acquistare con solo 4000 Dollari in più rispetto la sua versione standard, ma sono soldi ben spesi e si ottengono 45cv e 70Nm in più oltre ad il nuovo sistema di navigazione ed intrattenimento con vivavoce Bluetooth. La versione Hirsch quindi, potrebbe offrire maggiori prestazioni maggiori optional rispetto alla versione standard 2.0t, ma l’età della 9-3 pesa sopratutto se confrontata con nuovi modelli sul mercato come la S60. Non fraintendetemi, ma la 9-3 è un auto quasi “d’epoca” rispetto alle sue concorrenti apettiamo la sua nuova generazione.

Le fiancate delle due auto svedesi in test la nuova Volvo S60 e l'edizione speciale per Singapore Saab 9-3 Sport Sedan Hirsch (Photo Credit: OneShift)

Lascia un commento