«

»

Lug 04

SAAB|news

Immatricolazioni Saab – Giugno 2011

Una foto dei sedili della Cabrio Saab (Photo Credit: Saab Automobile Ab)

I dati Saab in Italia ed in Europa…

Il mese di Giugno al contrario dei primi cinque mesi dell’anno cala leggermente le immatricolazioni Saab in Europa, ma non ferma il trend positivo dall’inizio dell’anno del brand scandinavo di Trollhättan sia in Europa che nel nostro paese. Una leggera flessione delle immatricolazioni, chiaramente causate dallo stop della produzione che non ha ancora ripreso, si è registrato in Austria, Paesi BassiSpagna, Portogallo, Polonia, Italia ed in Svezia dove il segno negativo sembra aver colpito nel modo più eclatante le immatricolazioni. Se nelle diverse nazioni europee il calo è davvero stato leggero, non si può affermare altrettanto in Svezia che ha registrato 221 vetture totali immatricolate non paragonabile alle 838 vendute lo stesso mese dell’anno scorso. Dato più che semplice da spiegare come conferma il Direttore delle Nazioni Nordiche Mr. Magnus Hansson che ha dichiarato “Fino a quando la produzione sarà bloccata è ovvio che non possiamo rifornire i nostri dealer, non è semplice, è una situazione difficile e spiacevole sia per i nostri rivenditori che per i nopstri clienti che sono in attesa delle loro vetture”, un blocco della produzione che come preannunciato ha influito sui bilanci di Saab che sono tornati in positivo grazie a nuovi finanziamenti da parte di Gemini e da parte dei suoi partner cinesi. La situazione non è rosea, sarebbe assurdo dichiararlo, ma i recenti accordi che sono stati annunciati anche oggi sembrano far ritornare “il sole su Trollhättan” e questo indirettamente potrà rassicurare tutti gli addetti ai lavori del marchio svedese.

Di seguito in dettaglio la situazione italiana del marchio svedese Saab.

In Italia il risultato del mese di Giugno ha mostrato un nuovo calo, che ha registrato una nuova flessione dell’1,7% con 168832 auto vendute, andando così a chiudere il primo semestre dell’anno con un passivo del 13,1% rispetto lo scorso anno. I dati registrati dall’Unrae nel mese di Giugno 2011 sono i più bassi da 15 anni che come conferma il Direttore Generale dell’Unrae il Dott. Gianni Filipponi “L’Unrae aveva stigmatizzato alcuni facili ottimismi nati sull’onda del risultato positivo del mese di Maggio (+3,6%), per due ragioni: il debole andamento degli ordini acquisiti (indicatore dell’effettiva stagionalità della domanda) che, nel confronto con le immatricolazioni, sta portando ad una progressiva riduzione del portafoglio; la seconda, evidenziata dal cospicuo apporto al mercato, nei primi mesi dell’anno in corso, derivante dalle immatricolazioni di autovetture destinate al noleggio”. Secondo quanto descritto dall’Unrae è calata la fiducia da parte delle famiglie che hanno ridotto i propri acquisti di quasi il 10% contribuendo alla flessione di questo mese al contrario delle immatricolazioni delle società e dei noleggi aumentati rispettivamente del 13,4% e del 11,3%.

Saab Automobile Ab

In generale il calo registrato nel mese di Giugno 2011 è pari al -1,70% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Un dato di poco negativo positivo che sembra frenare l’entusiasmo dei dati proposti il mese scorso. I brand esteri in totale raccolgono una leggerissima flessione -0,88% rispetto a Giugno 2010, calo a cui sembra far parte anche il marchio svedese Saab. Le vetture della casa di Trollhättan immatricolate in Italia nel mese di Giugno 2011 sono state 79 registrando -5,95% confrontando il numero di vetture immatricolate lo stesso mese del 2010 (84 auto). Ora la fiducia della clientela si conferma molto altalenante in Italia, certamente le imminenti ferie estive e il blocco della produzione prima di tutto hanno influito su questi ultimi dati, ma attendiamo la ripresa da Trollhättan per ri-analizzare il mercato nel nostro paese e fare ulteriori commenti.

Nota: Tutti i dati riportati rappresentano le risultanze dell’archivio nazionale dei veicoli al 31/06/2011 – Unrae Unione Nazionale Rappresentanti Autoveicoli Esteri.

Lascia un commento