Lug 15

Pang Da fiduciosa dell’approvazione da parte del Governo Cinese

Mr. Muller Presidente di Saab e il Ceo di Pang Da durante la visita alla sede svedese di Saab (Photo Credit: Reuters)

Ottimismo e nuove previsioni…

Il portale web olandese DutchNews.nl è riuscito in questi giorni ad intervistare il management cinese di Pang Da Automobile On coinvolto nell’affare Saab e vero partner asiatico del brand scandinavo. Le previsioni di Pang Da non sono affatto negative e se ormai l’accordo con la casa di Trollhättan è stato confermato si attendono le approvazioni governative sulla partnership che permetterà al marchio svedese di riprendere fiducioso la propria strada verso il futuro. Il primo investimento fornito da Pang Da, di 109 Milioni di Euro rivolti a Swedish Automobile Nv “padre” del marchio Saab secondo il management cinese non vedrà ritardi e l’approvazione da parte del Governo Cinese è data quasi per certa come conferma Mr. Yin Wang intervistato dal Dow Jones “Siamo molto ottimisti sull’approvazione del governo“. Un ottima notizia per le due società automotive, soprattutto per l’azienda cinese che conquisterà così il 24% dei titoli azionari del brand svedese, ma Mr. Wang chiarisce “Saab ha bisogno di un finanziamento significativo per rimanere competitiva nel lungo termine e confermo che Saab è un marchio europeo e rimarrà così anche in futuro, certamente vogliamo un’ampia partecipazione nella società, ma questa politica è più che accettata dal Governo Cinese che incoraggia le imprese ad investire all’estero”. Pang Da insieme a Zhejiang Youngman, produttore cinese, investirà 245 Milioni di Euro in Swedish Automobile Nv e conquisteranno la quota di maggioranza di Saab con il 53,9%, ma le catastrofiche ipotesi sull’esportazione del marchio sembrano chiaramente escluse dai diretti interessati. L’investimento totale richiederà secondo Mr. Wang circa un anno e mezzo “Secondo la nostra esperienza l’approvazione da parte del Governo Cinese richiederà almeno un anno e mezzo. Noi ovviamente faremo del nostro meglio per accelerare le tempistiche, ma non possiamo controllare le fasi burocratiche”. L’investimento estero deve essere approvato dal Ministero cinese del Commercio, dal Ministero dello Sviluppo e dal Consiglio Cinese. Si preannuncia un lungo periodo per l’azienda svedese, ma se la tranche di fondi sarà suddivisa, come dichiarato, si potrà velocizzare la ripresa della casa di Trollhättan.