«

»

Ago 03

SAAB|news

Immatricolazioni Saab – Luglio 2011

Una foto ufficiale che mostra la prima nata del marchio Saab la 92 (Photo Credit: Saab Automobile Ab)

I dati Saab in Italia ed in Europa…

Il mese di Luglio sarà ricordato a lungo dal mercato automobilistico in Italia come conferma l’Unrae “Era dal 1983 che non si registrava nel settimo mese un immatricolato così basso”, ma anche nel resto dell’Europa i dati non sono confortanti soprattutto se relativi alla casa di Trollhättan. Le immatricolazioni Saab in Europa sono in calo, dati ovviamente comprensibili se si pensa al blocco della produzione che ha fermato diversi ordini ed ha lasciato in attesa la clientela. Una flessione delle immatricolazioni si è registrata in Svezia, Estonia, Slovenia, Polonia, Paesi Bassi, Norvegia ed al contrario in diverse nazioni i dati si sono rivelati parzialmente positivi se confrontati con quelli dello stesso mese del 2010, Finlandia, AustriaSpagna, Portogallo, Francia ed Italia hanno quasi raddoppiato le immatricolazioni rispetto a Luglio dello scorso anno un dato certamente postivo per il marchio che in questo periodo sta attraversando un brutto momento.

Di seguito in dettaglio la situazione italiana del marchio svedese Saab.

In Italia il risultato del mese di Luglio ha mostrato un nuovo pesante calo, registrando una flessione dell’-10,7% con appena 137442 auto immatricolate, andando così a chiudere un mese così negativo che non si registrava dal 1983 quando furono vendute solo 127193 vetture. il primo semestre dell’anno con un passivo del 13,1% rispetto lo scorso anno. “Basti pensare che durante la profonda crisi degli anni 1993/1996, quando il mercato automobilistico italiano fece registrare immatricolazioni complessive annue intorno a 1,7 milioni di autovetture, il mese di Luglio non si è mai posizionato su livelli così bassi” ha affermato il Dott. Gianni Filipponi Direttore Generale dell’Unrae l’Associazione delle Case automobilistiche estere in Italia. Nel nostro paese, infatti, dopo la forte caduta del 2009, la crescita economica è in stallo da tre trimestri, frenando nel primo del 2011 ad un modesto +0,1%. E le cause di questi dati sono principalmente due: il calo dei consumi e le pesanti tassazioni dirette ed indirette a cui sono costretti gli automobilisti italiani. I consumi delle famiglie sono rallentati, condizionati dall’accelerazione dell’inflazione e dall’incerto andamento del mercato del lavoro “Situazione critica a cui si aggiunge che sulle famiglie pesano i crescenti costi di gestione dell’autovettura: carburanti, assicurazioni, pedaggi e fiscalità”. Un male che affligge gli automobilisti della nostra penisola da tempo, ma come conferma il Dott. Filipponi “Un trend di questo tipo difficilmente potrà essere modificato anche nel prossimo anno, senza un chiaro programma di intervento a sostegno dell’economia”.

Saab Automobile Ab

In generale il calo registrato nel mese di Luglio 2011 è pari a -10,69% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Un dato davvero negativo che sembra frenare l’entusiasmo dei dati proposti all’inizio di quest’anno. I brand esteri in totale raccolgono una pesante flessione del -11,26% rispetto a Luglio 2010, calo non subito però dal marchio svedese Saab. Le vetture della casa di Trollhättan immatricolate in Italia nel mese di Luglio 2011 sono state 60 registrando +140,00% confrontando il numero di vetture immatricolate lo stesso mese del 2010 (25 auto). La fiducia della clientela è stagnante, certamente le ferie estive ed il blocco della produzione prima di tutto hanno influito su questi ultimi dati, ma i dealer ufficiali sparsi nella nostra penisola sono riusciti a proporre diverse vetture alla propria clientela. Attendiamo la ripresa da Trollhättan per ri-analizzare il mercato nel nostro paese e fare ulteriori commenti.

Nota: Tutti i dati riportati rappresentano le risultanze dell’archivio nazionale dei veicoli al 31/07/2011 – Unrae Unione Nazionale Rappresentanti Autoveicoli Esteri.

1 comment

  1. Vinc
    Vinc

    Bè almeno rispetto all’anno scorso si sono immatricolate più auto 🙂

Lascia un commento