«

»

Set 23

SAAB|news

La tecnologia della PhoeniX sotto lente d’ingrandimento

Un immagine che mostra le diverse tecnologie proposte sulla concept Saab PhoeniX (Photo Credit: NyTeknik.se)

Le innovazioni Saab…

In passato Saab aveva confermato che la propria tecnologia poteva fare gola a molti brand e le nuove soluzioni innovative proposte sull’ultima concept car Saab PhoeniX erano il chiaro esempio di quanto il brand scandinavo poteva fornire al settore automobilistico. Il magazine svedese NyTeknik ha voluto analizzare in dettaglio l’ultima concept car Saab ed ha cercato di evidenziare i veri punti di forza della vettura che rappresenta la “madre” delle prossime medie premium del marchio. Ecco un piccolo riassunto dell’analisi effettuata da NyTeknik che già in passato si era dimostrata puntuale ed interessante.

Tecnologia modulare Phoenix

La tecnologia che sarà adottata dai futuri modelli Saab proviene dalla già conosciuta concept PhoeniX basata proprio su una nuova piattaforma che dal Novembre 2008 era in fase di sviluppo. La piattaforma Phoenix (da cui ha preso poi il nome anche la concept car) non è un semplice telaio, ma rappresenta concretamente una tecnologia molto flessibile che può essere utilizzata per ogni segmento automobilistico, dalle auto sportive ai Suv e naturalmente rappresenterà la base di partenza delle prossime generazioni delle 9-3 e 9-5. Questo tipo di piattaforma modulare si rivelerà certamente un grande vantaggio per Saab che potrà utilizzare la sua tecnologia su tutti i suoi modelli 9-3, 9-4X e 9-5 la sua struttura modulare infatti potrà regalare all’auto diverse dimensioni, differenti misure tra gli assi e tra una miriade di componenti.

Secondo l’Ingegnere Mr. Mats Fägerhag, Direttore Esecutivo Sviluppo Prodotto Veicolo di Saab, i veri punti di forza della piattaforma Phoenix sono i seguenti:

  • Approccio modulare del telaio ideato da Scania
  • Qualità di guida incredibili anche in condizioni di scarsa aderenza che hanno delineato particolari esigenze sulla trasmissione, sullo sterzo e sulle sospensioni
  • Nuovo sistema ibrido capace di ridurre i consumi
  • Un maggiore livello di sicurezza in caso di collisione

Mr. Mats Fägerhag ha confermato a NyTeknik che la piattaforma Phoenix è un bene prezioso per Saab ed il suo valore è di Miliardi di Corone Svedesi. Mr. Martin Sköld Dottorato sulle piattaforme automobilistiche e ricercatore presso la Business School di Stoccolma ha confermato “alcune piattaforme a livello internazionale sono valutate dai 3 ai 27 Miliardi di Corone Svedesi”, non è difficile quindi confermare le parole di Mr. Fägerhag. La scorsa settimana Saab ha annunciato che la società svedese avrebbe ricevuto un prestito da parte della cinese Zhejiang Youngman relativo all’utilizzo non esclusivi della piattaforma Phoenix come garanzia sulla joint venture siglata, ma non vi è ragione di credere che il prezzo fissato al partner cinese sia inferiore al reale valore di mercato proprio per la sua importanza nel futuro del marchio. Secondo NyTeknik, Saab non aveva mai pensato alla rivendita della sua tecnologia Phoenix fino a pochi giorni fa ed ora che il Business Plan sarà rivisto per la Riorganizzazione Aziendale Volontaria, la vendita dei diritti su tale tecnologia potrebbe rivelarsi vincente in mercati come la Cina e l’India.

L’Elettrico

Nel Settembre dello scorso anno Saab ha annunciato che l’azienda aveva sviluppato un nuovo sistema di trazione integrale elettrica basata su un motore elettrico collegato all’asse posteriore. Tale innovazione regalerebbe la trazione quattro per quattro senza influire sul consumo di carburante e parte degli ingegneri Saab furono impiegati nella nuova società svedese E-Aam nata dalla collaborazione tra Saab e American Axle & Manufacturing. La nuova società potrà rivende questa tecnologia a diverse case automobilistiche, non solo a Saab che lo utilizzerà per prima. L’asse elettrico potrà regalare una potenza variabile da 15kW a 90kW a seconda delle esigenze e del fondo stradale. Il Direttore del Marketing di E-Aam Mr. Magnus Rydell ha rivelato infine che la società ha già siglato diversi contratti e la produzione dei sistemi di trasmissione elettrica per i primi due clienti inizierà nel 2013.

4 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. Vinc
    Vinc

    “approccio modulare ideato da Scania” quindi anche Scania ha partecipato al progetto del pianale Phoenix? Sarebbe bella una joint venture con Scania…

  2. Vinc
    Vinc

    Mah…ho scoperto che la Volkswagen ha il 68,6% dei diritti di voto e il 37,73% dei diritti di capitale della Scania…forse è meglio di no una joint venture…

  3. Vector
    Vector

    ma no vinc!!!!! il modulare scania è un idea, scania ha sempre fatto i camion con telai modulari e saab si è svegliata a fare la stexa cosa x le auto xò 😉

    direi mica male così s tagliano i legami con i marki ke condividono telai
    giust?

  4. Vinc
    Vinc

    Oh grazie Vector per il chiarimento!!:)
    Si si, sono daccordo con te…un’auto “tutta” Saab!!!

Lascia un commento