«

»

Set 23

SAAB|news

Nome in codice Ghepardo

Una foto dello stabilimento Saab che vede da sinistra Mr. Guy Lofalk Amministratore della Riorganizzazione Aziendale, Mr.s Kristina Geers e Mr. Muller (Photo Credit: Saab Automobile Ab)

Il piano di Riorganizzazione…

Lo scorso comunicato stampa rilasciato da Saab aveva già delineato a grandi linee quali erano le prossime procedure attuate dal marchio svedese per ottenere maggiore efficenza e ridurre i costi affrontati dalla casa di Trollhättan, ma fino ad oggi non era mai stata analizzata con particolare attenzione questa Riorganizzazione Aziendale Volontaria. Questo processo guidato dall’Amministratore Mr. Guy Lofalk che si era già occupato di rivedere l’azienda durante la sua vendita nel 2009 è stato definito come un piano necessario per riportare l’efficenza nello stabilimento di Trollhättan e per fare questo al meglio è stato nominato un Responsabile Interno di questo progetto “Ghepardo”. Il nome in codice dato a questo piano di efficenza è stato scelto per descrivere al meglio la velocità con la quale sarà attuato, il ghepardo è uno degli animali più veloci al mondo e con la stessa velocità Saab cercherà di ridurre rapidamente i costi e migliorare l’efficienza della sua struttura. Responsabile del progetto “Ghepardo” è Mr. Johan Formgren già Direttore Esecutivo delle Risorse Umane dall’inizio di quest’anno, come Vi avevamo già segnalato, e proprio a lui è stato richiesto un obiettivo davvero difficile: delineare le aree dove si possono effettuare i tagli. L’obiettivo della Riorganizzazione guidata da Mr. Lofack è chiaro: ridurre i costi totali del 15%, ma per raggiungere questo obiettivo, sia i costi fissi che i costi flessibili devono essere ridotti del 25%.

Durante le prossime settimane saranno riviste tutte le operazioni ordinarie e non sia in Svezia che nei diversi mercati dove Saab è presente. All’interno dello stabilimento di Trollhättan invece si muoveranno cinque squadre con il compito di segnalare i possibili tagli economici per rientrare nelle aspettative promosse dal progetto e seguiranno con particolare attenzione quattro aree: Produzione ed Acquisto, Sviluppo prodotti (sia il reparto di ingegneria che di Powertrain), Vendite (comprendendo marketing, post-vendita e comunicazione) ed Amministrazione. Il Responsabile del progetto Mr. Formgren prevede più di cento segnalazioni per ridurre i costi, ma solo nei prossimi giorni saranno chiarite in dettaglio.

7 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. lucio

    Ok va bene tutta questa riorganizzazione per ridurre costi e quindi cercare di
    essere più competitivi – e riportare l azienda in utile – ma quello che ha noi lettrori
    e clienti più interessa sono le informzioni sull’ inizio produzione.
    Se avete fatto un piano di riorganizzazione sapete o no quando ripartirà???
    Perchè solo cosi potrete iniziare a vendere e incassare.
    GRATO PER QUALCHE PRECISAZIONE IN MERITO
    lucio

  2. sandro48

    Spero di sbagliarmi ma temo di no: sulla base delle mie precedenti esperienze professionali se nella riorganizzazione è inclusa anche la procedura di pagare, almeno in parte, i fornitori (che a loro volta ad esito positivo dovranno riprendere le forniture con regolarità), allora la struttura produttiva non potrà riprendere prima di Dicembre – Gennaio 2012. Questo se tutto, proprio tutto, fila liscio: certo è che adesso SAAB sta giocando una partita decisiva e non deve avere ulteriori stop, in maniera tassativa, questo è del resto fondamentale per dare modo al marketing di iniziare a recuperare credibilità ed affidabilità.
     

  3. candel64

    Tutto molto bello ma come temevo la riorganizzazione è difatto il fallimento della Saab…..
    Sono d’accordo è tutto molto bello a parole ma intanto in Italia i dealer spingono i clienti a riscattare le Saab in loro possesso perchè sconsigliano l’acquisto di una nuova non sapendo quando sarà pronta !!!!
    Temo che Saab non riuscirà a riprendersi sono troppi gli anni di caos aziendale ed oggi una casa automobilistica non se li può permettare anche se si tratta di un brand storico. 

  4. sandro48

    @ candel64: perchè la riorganizzazione dovrebbe essere difatto il fallimento della SAAB ? certo dovranno essere fatti degli interventi mirati a riacquistare fette di mercato significative, e questo potrà avvenire solo con una linea produttiva che marcia come un orologio svizzero.
    Che poi i dealer sconsiglino l’acquisto di una auto nuova in assoluto non ci credo neanche se la vedo: riscattare auto ? ma che vuol dire ? forse prendere quelle in giacenza nei saloni ? ma è sempre esistito da che mondo è mondo, andiamo …

  5. candel64

    @sandro48: io sono un saabista da sempre ma la tituazione mio caro amico non la vedo tanto rosea innazitutto tu te la compreresti una saab 95 non sapendo se e quando la potrai avere !!! Si tratta di una macchina da 50 mila euro non bruscolini a Roma la nota concessionaria automotor sta invitando i possessori delle saab a riscattare la maxirata e chi ti scrive è la gmac (general motor per capirsi) in officina mancano da mesi i ricambi per cui possono eseguire solo tagliandi e riparazioni semplici.
    Spiegami come che a febbraio festeggiano l’indipendenza da gm e da aprile non producono auto ????
    Per riacquistare fette di mercato avrebbero fatto meglio a non puntare sulla 95 (segmento E di difficile collacazione e poi la storia recente aveva già detto che non era un modello molto gradito ai clienti)  o sul SUV ma rifere la 93 e puntare su una macchina tipo mini visto che avevano il contributo dei motori BMW.
    La saab solo quando riprenderà a produrre e vendere auto con buoni margini potrà dirsi guarita finora è in coma farmacologico !!!!!

  6. sandro48

    1) la 95 era un progetto già in essere con GM, se avessero dovuto ricominciare con un altro, ad es. la 93, sarebbero passati almento 18/24 mesi prima che diventasse esecutivo. La storia recente è di completa responsabilità GM e di questo non la ringrazieremo mai abbastanza: io mi sono proposto di boicottarla non comprando più in vita mia un’auto del loro gruppo, vedi Opel in Europa, per me possono andare tutti sulla forca e dai rumors che corrono non siamo così lontani da una bella crisi, mi spiacerebbe solo per i dipendenti.
    2) 50/55.000 euro non sono pochi ma per un modello di pari allestimento bmw, audi o mercedes ce ne vogliono almeno 20.000 di più, quindi stai sicuro che la 95 farà (sono ottimista!) la sua bella figura.
    3) per quello che riguarda i ricambi è vero ed io stesso ho dovuto attendere quasi un mese per l’arrivo di un braccio oscillante pos. destro: mi è arrivato due giorni dopo che avevo scritto all’allora CEO Mr. Jonsson, che l’ha dato disposizioni per farlo chiaramente smontare da una vettura sul piazzale a Trollhattan (cosa confermatami dal magazziniera SAAB di Firenze). E’ indubbiamente un grosso ostacolo per il buon nome del marchio.
    Speriamo bene, dai!!!

  7. Vinc
    Vinc

    Wowww avevi l’indirizzo di Mr. jonsson?? Che onore hanno smontato un pezzo da un’auto del piazzale e l’hanno inviato!!
    Dai Saab puoi farcela!!!!!! 

Lascia un commento