Nov 10

I sindacati Saab confermano l’atmosfera tesa tra i dipendenti

Una foto di alcuni dipendenti Saab immortalati nello stabilimento Svedese (Photo Credit: Arbeidslivinorden.org)

Una pesante situazione…

I sindacati del brand scandinavo Saab sono preoccupati per il prossimo stipendio di Novembre previsto per il 21 di questo mese. Il principale sindacato degli operai Saab If Metall tramite il suo rappresentante legale Mr. Darko Davidovic ha dichiarato ai media scandinavi “Siamo in continuo contatto con gli altri sindacati, ma siamo tutti nella stessa situazione: non sappiamo cosa stia accadendo” ed ha così confermato l’atmosfera pesante vissuta a Trollhättan “Non conoscere i processi in corso ha naturalmente delineato una situazione tesa tra tutti i dipendenti“. I sindacati della casa di Trollhättan confermano quindi la loro estraneità nei processi attualmente in corso e le poche informazioni in loro possesso sono le stesse rilasciate alle testate giornalistiche dalle quali riescono a carpire le poche notizie trapelate da Saab “Avevamo immaginato che c’era qualcosa di sbagliato nell’aria, perché General Motors non voleva rispondere alle nostre domande, e dopo le sue decisioni abbiamo compreso il motivo di tale atteggiamento. Quello che stiamo cercando di fare ora è raccogliere ed ottenere il maggior numero di informazioni possibili, sappiamo che ci sono state diverse conversazioni tra Saab, Pang Da e Zhejiang Youngman a partire da Martedì 8 Novembre, ma nulla di più”. La posizione dei dipendenti di Trollhättan è chiara da mesi sono ormai sul “filo del rasoio” e questi continui incontri privati tra le diverse società capaci di delineare il futuro dell’azienda stanno logorando a poco a poco ogni lavoratore, ma immaginiamo che il rilascio di nuove informazioni anche ai sindacati sia un operazione davvero rischiosa in questo periodo, gli accordi commerciali e non solo sono ancora in via di definizione e l’interesse dei media non è mai calato soprattutto in questo momento che attendono con impazienza maggiori dettagli sulle operazioni in corso.