«

»

Nov 09

SAAB|news

La piattaforma Phoenix legata a General Motors?

Un'immagine ufficiale della concept car Saab PhoeniX nata proprio sulla piattaforma Phoenix (Photo Credit: Saab Automobile Ab)

Sinergie aziendali…

Saab dalla sua rinascita ha sempre puntato sulla nuova indipendenza del brand automobilistico scandinavo, ma i rapporti con General Motors come sappiamo sono continuati senza sosta e se diverse strutture come la stessa organizzazione aziendale è stata completamente rivista per divenire completamente indipendente, alcuni processi vedono il colosso di Detroit sempre più legato alla “rinata” Saab risorta dalle sue ceneri ad inizio del 2010. L’intenzione del Presidente Mr. Victor Muller è sempre stata chiara rendere l’iconico marchio svedese indipendente a tutti gli effetti nel panorama automotive, ma il rapporto con General Motors è lontano da esserne solo un ricordo. Le attuali vetture della casa di Trollhättan presentano diversi componenti prodotti da General Motors e la stessa nuova crossover Suv media Saab 9-4X My2011 era prodotta negli stabilimenti Messicani del Gruppo americano confermano chiaramente quanto la sinergia tra le due aziende sia indispensabile ora al marchio svedese, ma il futuro? Dopo lo stop della produzione della nuova Suv 9-4X vero punto di forza nel mercato d’oltreoceano diversi media si sono chiesti come Saab potrebbe diventare “indipendente” senza essere più legata al colosso americano e le risposte hanno lasciato “l’amaro in bocca”.

Le speranze verso il futuro di Saab sono rivolte alla nuova piattaforma Phoenix utilizzata sia per la nuova incredibile concept car Saab PhoeniX presentata a Ginevra quest’anno sia per la prossima media premium 9-3 vero punto di forza di Saab per riposizionarsi nel mercato automotive del vecchio continente, ma proprio da tale piattaforma sembrano sorgere nuovi problemi. Le qualità tecniche ed innovative della nuova piattaforma sviluppata dal team svedese della casa di Trollhättan è fuori discussione, le suo doti si sono rivelate più che impressionanti per chiunque ha avuto la fortuna di provarla ed è stato confermato già da tempo che sarà la vera base di partenza per quasi la totalità della gamma di prodotti Saab, come dichiarava proprio Mr. Fägerhag principale responsabile di questa tecnologia “La piattaforma Phonix è una struttura modulabile e potrà con piccoli accorgimenti essere adattata a vetture di diverse dimensioni senza nessun problema”. Quindi quali sono i dubbi ed i problemi su tale piattaforma ipotizzati dai media scandinavi? La risposta è molto semplice e vede protagonisti i componenti utilizzati dalla struttura Phoenix, è difficile definire quale tecnologia sia di proprietà di Saab e quale sia di General Motors perché in oltre ventanni entrambe hanno condiviso molto e la stessa piattaforma Phoenix presenta alcuni componenti di General Motors anche se è stata sviluppata da Saab ed è davvero difficile definire il futuro di tale piattaforma sulla quale il colosso americano potrebbe avanzare (per assurdo) alcuni diritti, a confermare tali preoccupazioni lo stesso Mr. Peter Zienau Responsabile dello Sviluppo per Saab che ha dichiarato “Alcuni sistemi ed alcuni componenti della Phoenix sono di proprietà General Motors. Prodotti che siamo autorizzati ad utilizzare allo stato attuale” in un intervista con la testata svedese Ttela, ma ha subito voluto chiarire “La strategia a lungo termine di Saab è diventare completamente indipendente da General Motors” ipotizzando che in futuro i pochi punti in comune sulla stessa punta di diamante di Saab potrebbero essere eliminati del tutto, ma allo stato attuale Phoenix sembra essere legata al colosso di Detroit.

Lascia un commento