Dic 07

Immatricolazioni Saab – Novembre 2011

Una foto ufficiale della conosciuta Suv Saab 9-7X ormai fuori produzione (Photo Credit: Saab Automobile Ab)

I dati Saab in Italia ed in Europa…

Eccoci a commentare i dati di vendita registrati nel mese di Novembre dal brand scandinavo Saab. I dati registrati in tutta Europa sono più che negativi ed il confronto con quelli registrati lo stesso mese del 2010 è quasi improponibile, ma confermano le stime sempre più al ribasso dettate dal management svedese. I dati per la casa di Trollhättan registrati in Novembre riconfermano nuovamente la pesante situazione attraversata dal marchio che ormai da diversi mesi non produce più un automobile e ogni giorno si ritrova agli onori della cronaca per i propri problemi finanziari. Ai problemi economici si sommano quelli sociali dei dipendenti e quelli d’immagine che ormai il brand scandinavo Saab non può più ignorare. In Italia come per il resto dell’Europa i dati non sono positivi e se il calo registrato lo scorso mese era significativo, quello di questo mese è ancora più pesante. Dati negativi come anticipato provengono da tutta Europa ed anche mercati importanti come Gran Bretagna (24 contro le 594 dello scorso anno), Svizzera (5 contro le 71 del 2010) e la natale Svezia non presentano valori positivi (il calo in Svezia è stato davvero impressionante si è passati da un Novembre 2010 con 1119 vetture ad un Novembre 2011 con 35 auto). Dati negativi anche da Belgio, Paesi Bassi, Spagna, Austria, Italia, ecc senza esclusione di nessuna nazione nel vecchio continente. La sfiducia nei confronti del marchio è sempre più palpabile, ma se quelli del mese scorso erano neri questi lo sembrano ancora di più. Eccoci pronti a dare maggior spazio alla nostra penisola, che percentualmente presenta un dato dimezzato se confrontato a quello dello scorso anno.

Di seguito in dettaglio la situazione italiana del marchio svedese Saab.

I dati di Novembre, diffusi oggi dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, indicano una forte flessione del mercato italiano delle autovetture di circa il 9,3%, con sole 132579 unità immatricolate, rispetto alle 146088 di un anno fa. I volumi di questo mese ci riportano indietro di 15 anni, sui livelli del lontano 1996 e la crisi economica sembra sia stata la principale causa di questi dati “E’ evidente che anche il risultato di Novembre non possa che confermare le gravi difficoltà di un mercato che, a sua volta, riflette la situazione economica generale” ha dichiarato il Dott. Gianni Filipponi, Direttore Generale dell’Unrae, l’Associazione delle Case automobilistiche estere in Italia commentando i dati di questo mese. I dati ministeriali dimostrano che la flessione del mese è in linea con quella dell’intero periodo Gennaio/Novembre secondo l’Unrae, “Ciò ci induce a confermare una previsione per il totale anno 2011 in calo dell’11% rispetto ad un anno fa e di ben il 19% rispetto al 2008, anno di inizio della crisi economica” ha sottolineato il Direttore Generale Dott. Filipponi. In Italia il risultato del mese di Novembre ha mostrato un nuovo pesantissimo calo di -9,25% con 132579 auto immatricolate, dove le case estere hanno registrato un incredibile -8,42% (con 103961 vetture) rispetto lo stesso mese dello scorso anno.

Saab Automobile Ab

In generale il calo registrato nel mese di Novembre 2011 è pari a -9,25% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Un dato negativo che viene ripreso nella sua totalità anche dalle percentuali totali delle case estere. I brand esteri in totale raccolgono un calo del -8,42% rispetto a Novembre 2010. Le vetture della casa di Trollhättan immatricolate in Italia nel mese di Novembre 2011 sono state 23 registrando un incredibile pesantissimo -55,77% confrontando il numero di vetture immatricolate lo stesso mese del 2010 (52 auto). La fiducia della clientela nei confronti di Saab è ai minimi storici e lo stock di vetture pronte per la consegna è ormai ridotto “all’osso” in tutta la nostra penisola dove alcuni dealer sono costretti ad esporre vetture usate in vetrina. Il danno all’immagine registrato è ormai altissimo per un brand premium come quello di Saab e la filiale italiana si ritroverà ad affrontare un mercato quasi azzerato se non grazie ai fedeli clienti del brand. Attendiamo come sempre la ripresa da Trollhättan e la conclusione della vicenda Saab per ri-analizzare il mercato nel nostro paese e fare ulteriori commenti.

Nota: Tutti i dati riportati rappresentano le risultanze dell’archivio nazionale dei veicoli al 31/11/2011 – Unrae Unione Nazionale Rappresentanti Autoveicoli Esteri.