«

»

Gen 09

SAAB|news

Sindacati Saab sul piede di guerra

Una foto scattata ad alcuni dipendenti Saab all'uscita dallo stabilimento svedese (Photo Credit: Reuters)

Pronti a rivolgersi al Tribunale…

Dalla scorsa settimana i Sindacati presenti in Saab hanno lamentato un problema comunicativo con i curatori fallimentari del brand scandinavo e dopo un attesa di diversi giorni si confermano “sul piede di guerra”. I quattro sindacati presenti presso la sede centrale di Trollhättan hanno unito le loro forze e chiedono maggiori informazioni da parte degli Amministratori Fallimentari. “Penso che sia straordinariamente assurda questa mancanza di dialogo tra noi ed i curatori fallimentari” ha affermato il Presidente del Sindacato Leader Mr. Thomas Haglund. Ora i quattro Rappresentanti dei lavoratori si sono uniti e dopo una lettera inviata allo Studio Legale Delphi & Wistrand che si occupa della bancarotta di Saab hanno confermato di voler andare fino in fondo e si preparano al Tribunale Svedese. “Vogliamo sottolineare che le aziende in fallimento devono essere conformi alle disposizioni del diritto svedese e devono così descrivere e rapportarsi con le altri parti per la gestione futura del fallimento” ha affermato ai media locali Mr. Martin Wästfelt Presidente del Sindacato Unionen ed ha poi continuato “Siamo preoccupati dal comportamento degli Amministratori Fallimentari e dalle loro risorse utilizzate per affrontare questo problema”. L’intenzione dei Sindacati è chiara: rivolgersi al Tribunale Distrettuale per richiedere legalmente i temi trattati nelle discussioni in corso tra le diverse parti, con tale aiuto da parte del Governo i Sindacati potrebbero così rispondere ai propri soci e definire al meglio il futuro dell’azienda a tutti i lavoratori di Trollhättan.

Mr. Hans Bergqvist Amministratore Fallimentare di Saab intervistato da Ttela proprio su tale argomento ha dichiarato “Per noi è importante avere un buon rapporto con i Sindacati, così come con tutte le parti di questa vicenda. In molti richiedono la nostra attenzione e vorremmo sempre rispondere che basterebbe un solo meeting per risolvere molte divergenze, ma non è possibile farlo con tutti. La situazione è critica e dobbiamo dare priorità alle diverse parti. Abbiamo dato la priorità ad una prossima riunione con i Sindacati ed abbiamo già promesso di rispondere a tutte le domande poste”.

Dello stesso parere l’Amministratrice Fallimentare Mr.s Anne-Marie Pouteaux che ha ribadito quanto espresso da Mr. Bergqvist ed ha dichiarato ai media svedesi l’intenzione di ampliare l’organico degli Amministratori Fallimentari, suggerendo l’ingresso nel team di curatori Mr. Kent Hägglund Avvocato Svedese capace di delineare al meglio le proprietà intellettuali di Saab e tutelare le proprietà della casa di Trollhättan. Mr. Hägglund raggiunto dai microfoni di Ttela ha semplicemente confermato “Ho confermato la mia disponibilità in materia proprio ieri Domenica 8”, ma non ha voluto descrivere maggiori dettagli sulla sua prossima figura di co-Amministratore Fallimentare.

Lascia un commento