Feb 22

Bmw interessata a Saab?

Una foto aerea dell'ormai storico stabilimento Bmw a Monaco di Baviera (Photo Credit: Panoramio.com)

Monaco di Baviera vicina alla Svezia…

Con un nostro precedente articolo, Vi avevamo già indicato un possibile interesse tedesco sul marchio svedese Saab e tra i nomi papabili di curiosità erano spuntati ben due colossi dell’automotive teutonico: Volkswagen e Bmw. La seconda di queste si era prontamente rivolta ai mass media per escludere tale interesse e chiudere ogni genere di rumors, ma da ieri le indiscrezioni “tedesche” sono al contrario aumentate. Durante l’ultima conferenza stampa tenuta dagli Amministratori Fallimentari di Saab e da tutto il team legale dei curatori fallimentari è stato nuovamente confermato l’interesse da parte di sei/sette figure, una notizia già nota ai nostri fedeli lettori, che quindi non avrebbe dovuto alimentare le indiscrezioni che vedono nuovamente protagonista la tedesca Bmw, se non per un ulteriore dettaglio fornito dagli stessi Amministratori Fallimentari. Durante la conferenza infatti Mr. Hans Bergqvist si è lasciato sfuggire un nuovo dettaglio sulla vicenda Saab, tra le sei/sette figure interessate non manca un produttore automotive Europeo con sede a Monaco di Baviera, un dettaglio tutto tranne che insignificante che come ha poi rilanciato il noto blog internazionale Saabs United, rivede protagonista nell’affare di Trollhättan la casa automobilistica Bmw, da anni considerata uno dei principali produttori automotive premium nel mondo. La vicenda prende nuovamente quindi un nuovo slancio e inizia ad essere sommersa da diverse indiscrezioni provenienti dalla Germania. I vertici aziendali della casa bavarese non hanno rilasciato ancora maggiori dettagli, ma le rumors aumentano anche questa mattina e i dubbi da parte dei fans Saab non sembrano mancare, gran parte degli appassionati infatti si chiede come Bmw possa rilanciare un brand europeo premium senza intaccare il mercato del proprio marchio?

La casa teutonica è certamente apprezzata per la sua rigorosa gestione aziendale che abbinata a soluzioni a volte innovative la hanno portata ai vertici del mercato, ma gli esempi negativi di un assorbimento da parte di Bmw non mancano e moltissimi si ricordano l’ignobile fine di un marchio inglese come Rover. Solo esempi negativi quindi? No affatto, Bmw è tuttora proprietaria anche dei due brand Mini e Rolls-Royce, non certo paragonabili tra loro, ma certamente eccellenti esempi di come una corretta gestione aziendale ed un rilancio studiato nei minimi dettagli possa ridare vita a marchi a volte definiti erroneamente già “morti”, capaci di rappresentare una piccola (ed a volte considerevole come nel caso di Mini) fetta di mercato che Bmw con il solo brand tedesco non poteva conquistare. Saab potrebbe fare al caso suo? Attendiamo come sempre nuovi dettagli, ma lasciamo ai nostri fedeli lettori ogni commento.