«

»

Feb 15

SAAB|news

Le ambizioni di Mahindra

Una foto di repertorio di uno degli stabilimenti indiani di Mahindra & Mahindra Ltd. (Photo Credit: Bloomberg.com)

L’India è di nuovo “in gara” per Saab…

Mahindra & Mahindra Ltd. non si è ritirata dalla “corsa” verso Saab, al contrario di quanto dichiarato fino ad oggi infatti, la società indiana non ha perso il proprio interesse nei confronti della casa di Trollhättan, ma anche se le decisioni di General Motors risulteranno irremovibili sembra abbia già presentato la propria offerta di acquisto in segreto. Gli stessi Amministratori Fallimentari nella conferenza stampa telefonica di ieri non hanno ridotto il numero dei pretendenti del marchio svedese e diverse rumors in questi giorni sembrano ribaltare le precedenti voci che vedevano Mahindra “fuori dai giochi”. In queste ore diversi media indiani sembrano confermare quasi con certezza che Mahindra & Mahindra Ltd. abbia firmato un accordo di massima riservatezza con i curatori fallimentari del marchio svedese e secondo alcune rumors trapelate in questi giorni, la società indiana al contrario di quanto affermato aveva concluso le proprie analisi alla fine di Gennaio ed avrebbe presentato la propria offerta in queste settimane, ma il massimo riserbo richiesto avrebbe dato i suoi frutti visto che nessuna testata è riuscita a conoscere maggiori dettagli sull’interesse indiano rivolto alla casa di Trollhättan. Secondo la Radio Svedese Mahindra & Mahindra Ltd. avevano già dimostrato interesse per Saab alla fine del 2009, ma dopo diversi colloqui segreti con General Motors avevano rifiutato di avanzare un’offerta, decisione rivista in questi anni e complice il fallimento del marchio svedese, la società indiana sembra aver ridato slancio alle proprie mire industriali.

Quali sono gli interessi di Mahindra? Una domanda che rimbalza da settimane a cui solo la testata Forbes India sembra aver dato risposta in un suo nuovo articolo. Mahindra & Mahindra Ltd. in questi ultimi quattro/cinque anni è desiderosa di ampliare le proprie aree di sviluppo tecnologico e le acquisizioni previste dal management sembrano rispondere perfettamente a questo bisogno. Mahindra & Mahindra Ltd. è si un colosso automobilistico ed è proprietario tra gli altri di brand già sbarcati in Europa come Ssangyong, ma la sua organizzazione sembra priva di un centro tecnico attento alle ultime tecnologie e capace di sviluppare progetti premium da adottare sulla proprai gamma di veicoli. Chi può aiutarli in questo? Chi possiede un know-how di rispetto? Una piccola casa automobilistica svedese da sempre attenta al design ed alle soluzioni tecnologiche come Saab potrebbe proprio fare al loro caso ed il suo fallimento rappresenta certamente un ottima opportunità per il colosso Indiano. Le ambizioni di Mahindra sono elevate, ma per ampliare la propria gamma e rispondere alle richieste del mercato è necessario un brand premium capace di sviluppare la tecnologia necessaria a regalare a Mahindra il ruolo tanto sperato di player internazionale nel settore automotive mondiale. A questo punto sorge una nuova domanda, Saab è vista dalla società indiana come un brand di nicchia da preservare anche per le proprie innovazioni o Mahindra è interessata solo alle sue tecnologie?

Lascia un commento