«

»

Feb 13

SAAB|news

L’Indiana Mahindra esclusa dall’acquisto di Saab?

Una foto di repertorio del Ceo di Mahindra & Mahindra Ltd. Mr. Pawan Goenka (Photo Credit: Reuters)

Nuove rumors…

Le news che stiamo per riportarVi non sono state ancora confermato ufficialmente, ma per “dovere di cronaca” vogliamo segnalarLe anche ai nostri lettori. Durante questo fine settimana appena concluso sono emerse nuove indiscrezioni che vedono l’indiana Mahindra & Mahindra Ltd in prima pagina, sembra che il colosso automobilistico Indiano non possa più fare un’offerta per Saab a causa delle ferme decisioni di General Motors. Da diversi mesi il colosso Indiano si era dimostrato interessato alla casa scandinava di Trollhättan, ma il massimo riserbo sull’affare in corso non aveva dato modo alla stampa di delineare maggiori dettagli, in questi giorni invece diverse rumors vedono un epilogo negativo per Mahindra & Mahindra Ltd. che sembra essere stata bloccata prima della sua offerta per Saab a causa delle licenze non concesse da parte dell’ex proprietario americano General Motors. Sono solo indiscrezioni ed anche oggi il costruttore indiano non vuole concedersi alla stampa ufficialmente, ma le rumors sembrano proprio provenire dal management di Mahindra & Mahindra Ltd. “Sarà difficile per noi acquistare Saab se General Motors non collaborerà” sembra aver dichiarato una fonte indiana. Le speranze però non sono diminuite e Mahindra & Mahindra Ltd. sembra non aver mollato i propri obiettivi anche se il colosso di Detroit si sta rivelando sempre più deciso a non concedere prodotti e licenze ad un nuovo proprietario.

5 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. nazario

    Mi spiace per Mahindra, perchè poteva essere una buona soluzione per SAAB. Infatti, il progresso scientifico dell’India e la qualità dei suoi ingegneri è famoso in tutto il mondo. Rafforza le mie convinzioni il fatto che un’industria così seria come Mahindra non abbia voluto partire senza GM. Forse è vero -purtroppo- che senza licenze GM si rimane in brache di tela e cercare di ripartire così -cioè quasi con niente- sia un azzardo. Del resto la strada cinese dove potrà portare SAAB? Magari verso quell’orribile suv appena abbozzato -ma che già la dice lunga!- che abbiamo visto qualche giorno fa?  
    Quello che non capisco è perchè Mahindra non abbia interloquito con GM come stanno facendo i turchi. Cos’hanno di più questi turchi?

  2. Bernardo

    i turchi non rappresentano un temibile competitore per il mercato asiatico…

  3. sandro48

    Scusate la mia abissale ignoranza ma io non avevo mai sentito nominare questi turchi della Brightwell prima d’ora, certo per mie carenza, ma Mahindra era già in cronaca da un bel pezzo. Questo non significa che l’uno sia più accreditabile dell’altro, certo è che ambedue vogliono un “agreement” con GM prima di andare avanti, come serietà richiede. Questo non significa che Youngman ne difetti ma solo che evidentemente vuole intraprendere un diverso cammino, mentre sia BMW che VW – ammesso che siano veramente interessate – non ne hanno certo bisogno partendo da una diversa posizione di mercato. Resto sempre della mia idea, cioè che SAAB rappresenta un premium brand di enorme interesse a livello mondiale e quindi giustifica tutte le voci che ne derivano.

  4. davis13

    Visto come si stanno ,mettendo le cose secondo me potranno acquistare Saab solamente dei gruppi forti almeno quanto GM: in questo caso a nulla servirebbe l’ostruzionismo americano essendo i competitor forti sul mercato e quindi in grado di trattare ad armi pari se non superiori ad es. Bmw e/o Volkswagen

  5. Walt Kowalski

    Un vecchio adagio recita: se non puoi batterli fatteli amici. I turchi potrebbero semplicemente aver giocato d’anticipo cercando degli accordi con GM prima di mettere giù un’offerta. Questo eviterebbe bocciature a posteriori.
    Faccio notare come su siti tipo autoblog.it le notizie su saab si siano fermate alle 120 auto in asta… il menagranismo portasfiga dell’italietta moderna non si smentisce mai. E poi ci chiediamo come mai stiamo come stiamo…. 

Lascia un commento