«

»

Feb 14

SAAB|news

Problemi in Asia per General Motors

Una foto del nuovo stabilimento automobilistico di Saic/General Motors nei pressi di Pechino (Photo Credit: Bloomberg.com)

Notizie dalla Cina…

Le decisioni irremovibili e la linea intransigente del colosso americano General Motors sembra aver destato alcuni dubbi in Cina e proprio nel mercato asiatico (considerato da sempre uno dei principali per le vendite del gruppo Statunitense) potrebbero iniziare a sorgere alcuni problemi per il numero uno di Detroit. Secondo quanto riportato dalla testata CarNewser.com il Governo Cinese si sta preparando a tagliare il numero di autovetture nuove in vendita, un processo necessario per ridurre i tassi di inquinamento sempre più preoccupanti che potrebbe creare non pochi problemi a grandi costruttori come General Motors. Il Gruppo Americano è presente in Cina con quattro stabilimenti di produzione nati grazie alla collaborazione siglata con l’asiatica Saic che assembla e distribuisce per tutta la nazione le sue vetture, l’espansione del mercato e l’alta richiesta di veicoli aveva delineato l’apertura e la costruzione di un nuovo stabilimento in Cina per General Motors che a fronte di un costo di circa un Miliardo di Dollari si preparava ad aumentare la sua linea produttiva in Asia di ben trecentomila vetture, ma questa virata del Governo rischia di compromettere negativamente i progetti del colosso di Detroit. La congestione del traffico e l’inquinamento stanno diventando un problema sempre più reale nelle principali città della Cina ed il Governo sembra sempre più deciso a tagliare il numero massimo di vetture prodotte in Asia, un processo dai costi irrisori per lo Stato, ma deleterio per i grossi costruttori automobilistici che prevedono perdite ingenti ancora più pesanti come nel caso di General Motors che si preparava ad aprire il suo nuovo stabilimento. Le scelte statali in Cina non sono certo sindacabili ed il chiaro nazionalismo non potranno certamente favorire i brand esteri “trapiantati” in Asia e questa ipotesi potrebbe decretare anche un nuovo problema per Zhejiang Youngman da mesi interessata a Saab. Zhejiang Youngman è da tempo interessata all’acquisto del brand scandinavo Saab di Trollhättan e dopo diverse approvazioni sull’affare il riassetto societario ed il successivo fallimento del marchio svedese non ha convinto diverse figure a Pechino secondo alcune indiscrezioni, ma la fine sarà pronunciata solo alla fine del mese e prima di azzardare una conclusione in Cina, bisogna essere prudenti.

4 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. Vector
    Vector

    ahahah godo!!!! tie gm!

  2. sandro48

    … chi di licenza ferisce, di licenza perisce …

  3. Walt Kowalski

    Muahahahaha!! ti prego fa che sia vero! 

  4. Roberto

    …cin cin cinesi  !!!!… brindiamo !!!…mica scemo il Giovane Uomo …. hi hi….
     

Lascia un commento