Feb 03

Zhejiang Youngman ha fatto la sua offerta per Saab

Una foto che mostra l'Avvocato Mr. Johan Nylén ed il Ceo del costruttore cinese Mr.s Rachel Pang (Photo Credit: NyTeknik.se)

Inizio e Fine…

Abbiamo voluto aprire questo articolo con una contraddizione “Inizio e Fine”, ma Vi spieghiamo subito quello che volevamo intendere, il costruttore cinese Zhejiang Youngman, da diverso tempo interessato a Saab, ha presentato la propria offerta per l’acquisto del marchio svedese e chiaramente questa nuova news rappresenta un possibile nuovo inizio per la casa di Trollhättan, e contemporaneamente tale operazione può rappresentare chiaramente la fine di questa vicenda che ha tenuto con il fiato sospeso diversi fans ed addetti ai lavori. Nella tarda serata di ieri 2 Febbraio 2012 Zhejiang Youngman ha presentato una nuova offerta per l’acquisto del marchio svedese Saab, la prima a battere la notizia è stata P4 Väst che ha anticipato di pochissimo la nota Reuters che ha riconfermato tale news dopo poche ore. Sembra che le iniziali intenzioni del costruttore cinese siano state confermate nella sua offerta e la futura produzione di Saab continuerà nella storica sede di Trollhättan nel Sud-Ovest della Svezia. Dalla scorsa settimana l’intero management asiatico si trovava a Stoccolma per presentare al meglio la propria offerta, di cui non si conoscono dettagli anche se alcune indiscrezioni vedevano un offerta complessiva pari a 10 Miliardi di Corone Svedesi, ma siamo sicuri che prossimamente si potranno conoscere maggiori informazioni a riguardo. Mr. Johan Nylén principale portavoce del costruttore cinese ha affermato “Stiamo lavorerando per ottenere la più rapida ripresa del marchio Saab, ma ora possiamo solo rimanere in attesa di una risposta da parte degli Amministratori“. Gli Amministratori Fallimentari hanno rifiutato di commentare l’offerta alla stampa, ma hanno chiarito che ora analizzeranno con attenzione la proposta, anche se secondo le prime voci raccolte i curatori non sembrano intenzionati a vendere l’azienda di Trollhättan nella sua interezza ed hanno posto diverse condizioni quasi impossibili da rispettare per un nuovo proprietario.