Mar 09

Il Salone di Ginevra senza Saab

Una nuova Saab 9-5 Sedan parcheggiata all'esterno del Salone di Ginevra (Photo Credit: Flickr & Goldfingher)

Commenti dalla Svizzera…

Sappiamo che è Venerdì e molti dei nostri lettori, come parte della nostra Redazione, sta già pensando al weekend ormai alle porte, ma uno dei nostri reporter era presente proprio ieri all’ormai celebre Salone Internazionale dell’Auto di Ginevra e abbiamo deciso di pubblicare alcuni suoi commenti scritti “a caldo” proprio durante la sua permanenza in Svizzera. Il Salone di Ginevra quest’anno sembra rilanciare al meglio il settore automotive e gran parte delle case automobilistiche hanno presentato ufficialmente alcuni nuovi modelli destinati ad entrare prepotentemente anche nel mercato italiano, ma per un fan della casa di Trollhättan come me, la mancanza di uno stand asettico e dal design scandinavo sembra farsi sentire. La mancanza di Saab al Salone era ormai certa, il suo fallimento annunciato in Dicembre aveva escluso categoricamente ogni possibilità di una sua presenza a questa vetrina svizzera che certamente rappresenta una delle più importanti a livello internazionale. La crisi che aveva pesantemente colpito il settore automotive gli scorsi anni sembra ormai sparita, almeno per le case presenti che sfoderano ogni genere di scenografia per attirare più visitatori possibili presso i propri stand futuristici. Tra i diversi stand ho rivisto diversi manager che in passato sono stati legati al marchio Saab come Mr. Adrian Hallmark, diversi Responsabili dei mercati Europei ed il Capo Designer Mr. Jason Castriota che proprio lo scorso anno presentava quì la sua concept car PhoeniX. Oggi al posto dello stand Saab c’è un diverso stand color panna, di un brand che personalmente mi affascina: Lotus, ma ripensare che a Marzo 2011 al posto della Exige c’era una nuova 9-5 Sporthatch, mai arrivata in Italia purtroppo, una Suv 9-4X che aveva incuriosito non pochi presenti (mi ricordo ancora la fatica per riuscire a fotografarla tra la stampa), ma soprattutto una dirompente coupé che aveva diviso i media e gli appassionati, la Saab PhoeniX, che con il suo design incredibile era riuscita a fare quello che ogni storica Saab aveva fatto prima di lei, era riuscita a dividere i commenti, a chi piaceva immensamente ed a chi non trasmetteva nessun emozione.

Una vera Saab dopotutto e ripensarci quì fa sempre più male. E’ triste, non voglio certamente infondere tristezza in tutti i lettori, ma questa mancanza fa male, Ginevra 2011 era il Salone della rinascita e Ginevra 2012 non doveva essere così! Non è giusto, ma la speranza è sempre l’ultima a morire e sinceramente spero di poter rivedere la Saab PhoniX il prossimo anno qui a Ginevra, pronta a spiccare il volo, questa volta regalando un futuro sempre più prospero. Condividendo la conclusione del nostro reporter aspettiamo anche noi il prossimo anno con fiducia, ma grazie ad un attento appassionato possiamo regalarVi la foto di una Saab a Ginevra, una 9-5 Sedan Aero Blu che era parcheggiata all’esterno del Salone elvetico, speriamo possa rivelarsi di buon auspicio…