Mar 21

Intervista a Mr. Thomas Kjellberg Responsabile di Saab Parts Ab

Una foto di Mr. Thomas Kjellberg Responsabile di Saab Parts Ab immortalato nella sede Svedese di Saab Parts Ab (Photo Credit: Ttela)

Nuove dichiarazioni dalla Svezia…

Dopo averVi segnalato questa mattina le prime indiscrezioni legate all’indipendente Saab Parts Ab ecco un nuovo articolo dedicato proprio all’azienda che si occupa della produzione e della distribuzione dei ricambi ed accessori originali Saab. La conosciuta testata svedese Ttela ha intervistato proprio oggi Mr. Thomas Kjellberg Responsabile di Saab Parts Ab e le news riportate sono risultate certamente interessanti per gli appassionati della casa di Trollhättan. Anche dopo il fallimento di Saab, il business di Saab Parts Ab non è calato, anzi è aumentato notevolmente e secondo quanto dichiarato dalla società svedese che si occupa dei ricambi Saab, sono state fatte nuove assunzioni ed è previsto un ampliamento della sede centrale a Nyköping. Mr. Thomas Kjellberg Responsabile di Saab Parts Ab seguito da un giornalista di Ttela attraversa parte dello storico sito produttivo Saab a Trollhättan e dopo aver sorpassato diversi uffici ormai quasi abbandonati dallo scorso Aprile si avvicina alla zona Nord del complesso dove risiedono alcuni uffici di Saab Parts Ab, l’unica area ancora attiva ed operativa di tutta la zona industriale Saab a Trollhättan “Saab Parts Ab non è mai stata fuori dal mercato” esordisce Mr. Kjellberg, che da Febbraio è stato nominato Responsabile e gestore del sito produttivo di Saab Parts Ab a Trollhättan. Egli, come la maggior parte dei nuovi conquanta dipendenti ha passato gran parte della sua carriera lavorativa presso Saab Automobile Ab ed ora si ritrova ancora nel settore automotive svedese grazie all’ampliamento della storica sede di Nyköping. “I nostri uffici sono dediti agli acquisti, alla pianificazione, alla finanza, al marketing ed alle vendite. Abbiamo anche uno staff It ed un nostro ufficio paghe, non produciamo ed inviamo solo ricambi e accessori” afferma Mr. Kjellberg a Ttela. “Nella sede centrale di Nyköping è presente la sezione di Saab Parts Ab dedicata alla logistica, alla distribuzione ed allo stoccaggio dei ricambi ed accessori” afferma il Responsabile che continua “Ora abbiamo posto l’attenzione su tutti i nostri mercati secondari, non solo la Svezia“.

I progetti per il futuro di Saab Parts Ab sembrano ambiziosi, ma i risultati sembrano arrivare anche in questo difficile periodo “I nostri servizi continueranno anche nel prossimo futuro, non posso dare una certa sulle scelte aziendali, ma tutto dipenderà dalla domanda del mercato. Siamo nuovi arrivati, questo è certo, ma supportare la rete di officine autorizzate è il nostro obiettivo”. Anche in questo nero periodo il business di Saab Parts Ab sembra risultare più che florido ed in espansione come conferma Mr. Kjellberg “Abbiamo firmato un nuovo contratto con un officina autorizzata in Svizzera. Oggi serviamo oltre 1200 punti vendita di cui ben 160 nella sola Svezia e gradualmente stiamo risolvendo tutti i problemi riscontrati nella disponibilità dei ricambi, che è notevolmente migliorata rispetto lo scorso autunno”. Paure per il futuro? Non sembrano esserci preoccupazioni per il futuro secondo Mr. Kjellberg, che ha dichiarato “Abbiamo in corso diversi negoziati con nuovi fornitori per la produzione dei ricambi ed accessori. Se Saab non riprenderà la produzione la flotta globale tenderà a diminuire, ma ci aspettiamo di poter adattare il nostro business col tempo” dichiara sicuro mostrando il proprio nuovo ufficio nello stesso edificio dove ha iniziato il proprio lavoro nel 1996. Prima di uscire Ttela è scesa al piano inferiore della struttura dove si trova il laboratorio tecnico di Saab Parts Ab. Su alcuni banchi prova l’Ingegnere Mr. Hans Carlson sta lavorando sull’elettronica di una nuova 9-5 e vedendo gli sguardi incuriositi dei giornalisti afferma “La maggior parte delle soluzioni vengono delineate a computer, ma a volte ci tocca saldare” sorridendo e specificando che si tratta di soluzioni molto rare, un classico esempio di un azienda che si sta adattando a rispondere ad ogni richiesta dei suoi dealer sparsi per il mondo.