Mar 14

Zhejiang Youngman non ha problemi per la sua produzione

Una foto dell'ultima Lotus Europestar L5 prodotta in Cina (Photo Credit: Super-Cars.net)

La Lotus Europestar è slegata da Lotus Cars…

In passato avevamo letto sul blog internazionale Saabs United che il costruttore cinese Zhejiang Youngman aveva problemi per la propria produzione Lotus, ci siamo subito messi in moto per conoscere maggiori info e grazie alla testata francese BlogAutomobile possiamo dare maggiore chiarezza all’intera vicenda. Il disguido nasce dai nomi utilizzati dal costruttore cinese che ricordano di molto lo storico brand inglese, ma non ne seguono in tutto e per tutto lo stesso destino. Lotus Cars sembra sia in deficit finanziario nella progettazione, nella produzione e nella commercializzazione di autovetture di lusso e non nella produzione del suo settore Lotus Engineering a cui si rivolge Zhejiang Youngman con il proprio brand Lotus. Il costruttore cinese Zhejiang Youngman vende le proprie vetture assemblate in Cina riportando il badge europeo Lotus, ma tali auto non hanno molto in comune con le cugine inglesi e l’unico vero settore collegato tra il costruttore asiatico Zhejiang Youngman e il produttore europeo riguarda le tecnologie ed i prodotti costruiti da Lotus Engineering che gode di “ottima salute economica”. L’affare prende il via nel 2007 quando dopo la cessione del marchio inglese al costruttore malese Proton cerca di ampliare i propri mercati in Asia e nel mese di Luglio sigla un accordo con la cinese Zhejiang Youngman che diventa l’importatore ufficiale sia delle auto sportive Lotus sia di alcune nuove vetture commercializzate in Cina con il nome Lotus Europestar. Zhejiang Youngman grazie ad un accordo siglato con Proton ha iniziato a sviluppare la propria gamma di veicoli sotto il nuovo brand Lotus Europestar destinate al solo mercato asiatico. Dopo un inizio difficoltoso la produzione asiatica si assesta a 300000 vetture l’anno e nel 2010 Lotus Europestar lancia il suo nuovo modello la L5 basato sulla piattaforma II di Proton e mossa da un propulsore ideato da Lotus Engineering, ma a tali prodotti sembra mancare qualcosa, facilmente comprensibile: tecnologia, innovazioni e know-how che un altro brand Europeo potrebbe portare alla casa cinese Zhejiang Youngman. Tirando le somme, la notizia precedentemente riportata da alcuni media che vedeva Zhejiang Youngman in affanno per la sua produzione in Asia era errata, in quanto il marchio Lotus Europestar è completamente slegato dal destino di Lotus Cars ora tristemente in deficit finanziario.