«

»

Apr 11

SAAB|news

Il valore del marchio ed il totale dei debiti

Una foto scattata ieri ad alcuni membri del team di curatori fallimentari di Saab (Photo Credit: Ttela)

Cifre impressionanti…

Il primo termine imposto dagli Amministratori Fallimentari del marchio svedese Saab è stato raggiunto anche se la prossima scadenza secondo Ttela sarà Martedì 17 Aprile, ma le diverse figure interessate ad acquistare il marchio di Trollhättan sembra si siano già pronunciate con alcune offerte. Il team di curatori fallimentari di Saab oltre a segnalare tale calendario non ha però indicato alla stampa i nomi delle società interessate anche se sono stati resi noti ben due dati significativi: il valore del brand e l’ammontare dei debiti accumulati. Cifre significative, che per ora non sono state commentate dal team dei curatori di Saab e dall’ex Presidente del marchio Mr. Muller che raggiunto dalla conosciuta testata svedese Ttela ha preferito trincerarsi dietro un “no comment” dopo aver chiarito “Non ho incontrato gli Amministratori Fallimentari e non so nient’altro di quello che avete riportato”. I debiti accumulati si aggirano intorno ai 12/13 Miliardi di Corone Svedesi una cifra considerevole che non sembra però aver scoraggiato “la manciata” di interessati al brand scandinavo (definita proprio così dai mass media) che sembra abbia tristemente raddoppiato le proprie perdite negli ultimi mesi. Il valore del marchio di Trollhättan secondo quanto è stato calcolato dagli Amministratori Fallimentari è pari a 3,6 Miliardi di Corone Svedesi una cifra nettamente inferiore alle perdite accumulate, che però comprende le innovazioni e la tecnologia che Saab possiede.

Secondo quanto dichiarato dai due Amministratori Mr.s Anne-Marie Pouteaux e Mr. Hans Bergqvist intervistati dalla stampa locale a Göteborg l’inventario immobiliare di Saab è stato raccolto in diverse cartelle catalogate in due scatole di grandi dimensioni, sembra ammontare a circa 3,6 Miliardi di Corone Svedesi, ma sono i debiti a preoccupare gran parte dei fans e degli addetti ai lavori. Il debito totale ammonta a 13 Miliardi di Corone Svedesi a cui và aggiunto il credito vantato da General Motors: 2,2 Miliardi di Corone Svedesi, grazie ad azioni privelegiate del marchio svedese, grazie alle quali potrà ottenere per prima tali fondi a differenza di altri creditori. Uno dei principali creditori del marchio è l’Agenzia delle Entrate Svedesi che avanzando diverse mensilità agli ormai ex dipendenti e ripagando il prestito elargito dalla Bei vanta un credito di 2,2 Miliardi di Corone Svedesi che secondo quanto indicato da Ttela saranno ripagati grazie al valore delle controllate Saab Powertrain Ab e Saab Tools Ab (quest’ultima è stata valutata 3,6 Miliardi di Corone Svedesi). Mr. Rolf Åbjörnsson Avvocato esperto di Amministrazione Fallimentare intervistato da Ttela ha affermato “Il debito è davvero impressionante ed il disastro è dietro l’angolo” riferendosi chiaramente ai 13 Miliardi segnalati. Due anni fa con l’acquisizione di Saab da parte dell’allore Spyker Cars Nv oggi Swedish Automobile Nv i debiti (di 10 Miliardi circa) erano stati appianati e secondo l’Avvocato svedese è incredibile che in un solo anno la situazione si ripresenti ancora più disastrosa “Se la vendita andrà in porto Saab potrà ritornare a produrre, ma sono molto scettico sul valore del brand” ha concluso. Attendiamo ancora maggiori dettagli che siamo sicuri non mancheranno nelle prossime ore per definire al meglio questa intricata vicenda.

1 comment

  1. Gigi

    13 miliardi sono una cifra enorme, fortunatamente i nuovi proprietari non dovranno pagare tale cifra altrimenti nessuno avanzerebbe offerte di acquisto

Lascia un commento