Apr 11

Valore del marchio e debito in dettaglio

Una foto scattata all'inizio del 2012 allo stabilimento svedese di Saab (Photo Credit: Bloomberg.com)

Cifre e sorprese anche in Italia…

Con questo articolo vogliamo puntare la lente di ingrandimento sulla somma totale dei debiti accumulati dal marchio svedese di Trollhättan. Gli Amministratori Fallimentari di Saab hanno presentato proprio ieri alla Corte Distrettuale di Vänarsborg il totale dei debiti accumulati dal brand scandinavo ed il suo valore attuale di mercato, e tali dati hanno già avanzato diverso interesse da parte della stampa e degli addetti ai lavori che da mesi attendono novità nella vicenda Saab. Il valore di Saab secondo la prima valutazione del team di curatori fallimentari è pari a 3,6 Miliardi di Corone Svedesi (405 Milioni di Euro circa) e comprende i beni immobili (che sembrano nuovamente soggetti ad un indagine approfondita per appurare se gli accordi precedentemente siglati con Hemfosa siano stati corretti), i depositi bancari, i crediti del marchio, i macchinari e gli strumenti utilizzati, i componenti ed i materiali in magazzino, le partecipazioni nelle società controllate e la proprietà intellettuale del brand. Proprio quest’ultimo valore è influenzato dagli accordi siglati con l’ex proprietario General Motors e con il costruttore cinese Baic che nel 2009 aveva potuto “mettere le mani” su alcune delle vecchie vetture Saab. Il valore del marchio è stato anche calcolato grazie alle innovazioni ed allae tecnologie brevettate e depositate regolarmente in questi ultimi due anni, soluzioni che sono sfuggite a gran parte della stampa, ma che oggi si stanno rivelando davvero degne di nota. Numerosi brevetti presentati da Saab Automobile Ab in questi ultimi anni riguardano la gamma di vetture Erev conosciute dal grande pubblico come auto elettriche, un settore sul quale Saab si stava “affacciando” con notevoli aspettative. Non mancano brevetti su frizioni, cambi, trasmissioni elettriche e numerosi dispositivi poi utilizzati sulle prime 70 Saab 9-3 ePower prodotte per i primi test. Soluzioni in gran parte legate all’Elettrico, ma non tutte, non stupisce infatti la presenza di un brevetto per una cappelliera posteriore di nuova concezione per la media premium 9-3 od alcuni sistemi di ventilazione intelligenti per i passeggeri posteriori simboli concreti di quanto i Reparti di Sviluppo abbiano lavorato nel migliore dei modi anche in questi ultimi anni.

Il debito totale calcolato dagli Amministratori Fallimentari di Saab è pari a 13 Miliardi di Corone Svedesi (pari secondo il cambio attuale a quasi un Miliardo e mezzo di Euro) a cui bisogna aggiungere 2,2 Milioni di Corone rappresentate da azioni privilegiate di Saab detenute dall’ex proprietario General Motors che porta il totale dei  debiti a 15,2 Miliardi di Corone Svedesi. Le azioni privilegiate di General Motors, come Vi abbiamo già segnalato in passato, sono relative a diverse proprietà intellettuali di alcuni prodotti necessari alla produzione dell’attuale gamma Saab, diverse parti della nuova 9-5 Sedan e Sporthatch o della crossover media Saab 9-4X sono di proprietà del colosso di Detroit che oltre a detenere la proprietà intellettuale su tali sistemi è il principale produttore di tali materiali, legando in questo modo il destino di tali vetture alle scelte del Gruppo Statunitense. Di questi 13 Miliardi di Corone Svedesi il maggiore creditore con 2,2 Milioni di Corone è l’Agenzia delle Entrate Svedesi che tramite il suo Uffico del Debito Nazionale ha erogato alcuni stipendi agli ormai ex dipendenti del brand ed ha avanzato il pagamento del prestito della Banca Europea per gli Investimenti Bei, seguita a ruota da Saab Tools Ab una società controllata dal marchio Saab Automobile Ab con 1 Milione di Corone Svedesi circa. Seguono nell’elenco dei maggiori creditori due diverse società che fanno capo a General Motors: Gmac Financial Services Ab con 904000 Corone Svedesi e Gm Companies con 820000 Corone Svedesi entrambe legate al settore del finanziamento necessario per l’acquisto di una nuova vettura sia da parte di privati che da parte di aziende e società di noleggio. Il debito contratto dalla forza lavoro Saab è pari a 1,4 Milioni di Corone Svedesi, di cui 870000 Corone sono già state avanzate dallo Stato Svedese, lasciando gli ex lavoratori privi di 530000 Corone Svedesi. Tra i diversi creditori di Saab Automobile Ab non mancano diverse filiali Europee del marchio, come Saab Germany, Saab Great Britain e la stessa Saab Italy che posizionandosi quasi al termine del triste elenco risulta creditrice di 43000 Corone Svedesi (5000 Euro circa). Secondo quanto segnalato dalla stampa scandinava alcuni di questi creditori hanno diritti preferenziali, alcuni potranno essere ripagati completamente, mentre altri solo in parte, ma la maggior parte di loro non vedrà mai tali somme. Abbiamo richiesto maggiori delucidazioni in merito alla sede di Saab Automobile Italy Srl, ma non ci hanno ancora risposto. Speriamo di poterVi fornire migliori dati prossimamente, ma per ora rimaniamo in attesa.