Mag 11

Il Sindacato If Metall: disoccupazione al 40%

Una foto scattata a Mr. Håkan Skött Presidente di If Metall davanti allo stabilimento svedese Saab (Photo Credit: Dagensarbete.se)

Dati pesanti…

I problemi occupazionali ed economici a Trollhättan e nella Regione di Västra Götaland sono ormai un vero punto dolente sia per la politica che per le istituzioni sociali nazionali in Svezia. I dati presentati dal principale sindacato operaio degli ex dipendenti di Saab Automobile Ab sono davvero impressionanti. Secondo quanto segnalato dal Sindacato If Metall il tasso di disoccupazione a Trollhättan è salito al 40% dopo il fallimento della casa automobilistica Saab ed il destino ancora in bilico del produttore potrebbe aumentare tali dati. Secondo quanto segnalato da diverse fonti interne al Sindacato i tre principali competitor per Saab hanno presentato le loro offerte di acquisto agli Amministratori Fallimentari e prima della metà di Giugno si conoscerà il nuovo proprietario dell’azienda, ma la preoccupazione è ora un’altra come conferma il Rappresentante Legale di if Metall Mr. Darko Davidovic “Per i nostri iscritti, la disoccupazione a Trollhättan è del 40%” riferendosi al settore metalmeccanico durante una recente intervista con Just-Auto.com “Abbiamo 6000 iscritti al Sindacato a Trollhättan e ben il 40% di loro è ancora disoccupato dopo la bancarotta di Saab”. I dati cambiano se si considerano altri fattori come spiega l’Avvocato svedese, ma i problemi rimangono “La disoccupazione totale, comprensiva sia dei colletti blu che di quelli bianchi a Trollhättan è pari al 17%”, ma le speranze dei Rappresentanti dei Lavoratori non sono ancora completamente morte e si continua a guardare al futuro con ottimismo, dei 4000 dipendenti di Saab in esubero, moltissimi di loro sono ancora convinti che un cambio della gestione da parte di un nuovo proprietario possa ridare fiducia al loro operato.

“Tutti e tre i soggetti interessati hanno dichiarato che continueranno a produrre auto e la popolazione spera di riottenere il proprio posto di lavoro”. Gli iscritti ad If Metall non si sono ancora arresi “Sono fiduciosi e pronti a combattere per il loro posto di lavoro, abbiamo incontrato uno di loro proprio ieri e ci ha confermato che secondo lui Saab ritornerà più forte e lui sarà pronto a farne ancora parte”. Mr. Davidovic ha poi dichiarato “Ben 396 nostri iscritti hanno accettato un nuovo lavoro presso Volvo Cars a Göteborg e ci siamo già mossi con il Governo Svedese per ottenere migliori collegamenti pubblici per facilitare tali trasferimenti”. Rimaniamo come sempre in attesa di maggiori sviluppi, ma la vicenda sembra davvero difficile a livello sociale, speriamo che l’estate arrivi in fretta per poter ridare un nuovo futuro a tutti i lavoratori che stanno continuando a dare fiducia a questo storico marchio.