«

»

Mag 11

SAAB|news

Mr. Lundgren non ha nulla contro Mr. Antonov

Una foto scattata a Mr. Bo Lundgren Direttore dell'Agenzia delle Entrate Svedesi durante una conferenza (Photo Credit: Alfakanal.se)

Rammarico…

In una recente intervista Mr. Bo Lundgren Direttore dell’Agenzia delle Entrate Svedesi si conferma rammaricato dalle accuse rivolte al banchiere russo Mr. Vladimir Antonov. Durante una nuova intervista effettuata in questi giorni il Direttore Svedese si conferma assolutamente estraneo alle voci che per mesi lo vedevano coinvolto nelle indagini delle Autorità straniere e dell’Fbi nei confronti di Mr. Antonov, anzi il suo commento personale è completamente l’opposto di quanto avanzato dalle accuse rivolte al manager russo. “E’ stato bello poter chiarire le incomprensioni create in passato” afferma Mr. Bo Lundgren dopo un audizione dinanzi alla Commissione parlamentare costituzionale Svedese che aveva richiesto delucidazioni sulle operazioni effettuate dall’Agenzia delle Entrate nazionale. Mr. Lundgren appare disteso e ripete alla stampa le proprie valutazioni sull’affare che in passato aveva visto protagonista il banchiere Mr. Vladimir Antonov. L’Ufficio del Debito Nazionale collegato direttamente all’Agenzia delle Entrate Svedesi non è riuscito a sollevare obiezioni nei confronti del controverso uomo d’affari russo Mr. Antonov che aveva cercato di entrare nella vicenda Saab avanzando notevoli capitali ritenuti sospetti dalle Autorità straniere. “Fino ad oggi non ho visto nulla di concreto contro Mr. Antonov” afferma il Direttore dell’Agenzia delle Entrate Svedesi Mr. Lundgren “Non ho trovato nulla che possa bloccare il manager russo come soggetto non idoneo” ribadisce senza fare nessun riferimento alle accuse avanzate dalle Autorità Lituane che ne hanno richiesto l’estradizione della Gran Bretagna (dove il banchiere risiede) perché sospettato di essere coinvolto in riciclaggio di denaro.

Oggi l’Ufficio Nazionale del Debito e l’Agenzia delle Entrate Svedesi hanno un credito nei confronti di Saab pari a 2,2 Miliardi di Corone Svedesi e non si conosce ancora il destino di tali somme, ma Mr. Lundgren afferma “Credo che siamo a buon punto. Speriamo che prossimamente possiamo rientrare di tali crediti dobbiamo aspettarci qualsiasi tipo di operazione”, confermandosi relativamente tranquillo grazie al valore costituito dalla produzione di parti di ricambio “Abbiamo una certa sicurezza sulla vicenda. Finora abbiamo valutato il mero valore complessivo degli strumenti presenti in azienda, ma il loro valore individuale potrebbe rivelarsi più alto e le moderne catene di montaggio oggi non valgono pochi Euro” conclude Mr. Lundgren.

Lascia un commento