«

»

Mag 23

SAAB|news

Zhejiang Youngman esclusa dall’affare Saab

Una foto di repertorio scattata durante un intervista a Mr. Pang Ceo di Zhejiang Youngman (Photo Credit: NewYorkTimes)

Prima esclusione…

Come Vi avevamo segnalato in precedenza la vicenda Saab sta per giungere al termine e tra i diversi soggetti interessati inizia una vera e propria “scrematura” che vedrà solo due figure papabili scontrarsi per diventare il nuovo proprietario della casa di Trollhättan. Con una news battuta pochissime ore fa da Dagens Industri, possiamo segnalarVi che il costruttore cinese Zhejiang Youngman è stato escluso dall’affare dagli Amministratori Fallimentari del marchio svedese Saab per incertezze economiche. Il produttore asiatico è stato escluso dalla vicenda perché, secondo alcune fonti interne all’affare, gli Amministratori della casa di Trollhättan sono rimasti incerti sulla velocità dei pagamenti di Zhejiang Youngman che inviando i propri fondi dalla Cina dovrebbe attendere il controllo sull’operazione da parte delle Autorità Burocratiche Asiatiche e questo potrebbe richiedere ulteriore tempo alla conclusione dell’operazione. Altre fonti che seguono da vicino la vicenda hanno poi sostenuto che Zhejiang Youngman potrebbe essere travolta dalle Autorità Cinesi, che preferiscono investire in un progetto ambientale in collaborazione con il Governo Svedese. Quando il Premier Cinese Mr. Wen Jiabao ha visitato recentemente la Svezia ha firmato numerosi progetti di cooperazione con il Governo Svedese sia sulla sicurezza stradale che sull’ambiente e l’investimento di fondi asiatici in Saab richiederebbe un approvazione non così certa come ipotizzato dal produttore asiatico. Saab in passato aveva provato a stringere accordi commerciali con Zhejiang Youngman, ma i risultati non erano stati quelli sperati e le tempistiche non erano delle migliori. Secondo le fonti riportate da Dagens Industri il costruttore indiano Mahindra & Mahindra Ltd. sembra avere le disponibilità economiche per ripartire e vuole investire sull’elettrico e sulle vetture ibride. Il produttore indiano secondo i primi dati presentati è intenzionato a produrre 100000 vetture ibride all’anno ed è desideroso di partire il più presto possibile. L’ultimo competitor in gara sembra essere rimasto il consorzio Giapponese/Cinese che non più collegato all’azienda Panasonic vede tra le sue fila solo aziende cinesi ed alcune indiscrezioni vedono il nome di Baic in una di queste.

Le vetture elettriche ed ibride sembrano sostenute negli ambienti governativi e questo affare vede coinvolto anche il Governo Svedese che tramite il proprio Ufficio del Debito è il principale creditore della casa di Trollhättan quindi una particolare attenzione a tale settore da parte del nuovo proprietario sarà certamente una delle molte chiavi di volta per concludere positivamente la vicenda Saab.

Un ulteriore voce che vedeva protagonista ancora il settore “elettrico” vedeva Volvo Cars tra i potenziali acquirenti dei macchinari e delle attrezzature di Saab, tale offerta era stata avanzata dal produttore di Göteborg e da Innovatum Ab che avevano formato un vero e proprio consorzio per sviluppare nuove vetture elettriche ed eco-friendly, ma come confermano vari addetti ai lavori i fondi a disposizione di Innovatum Ab sono in gran parte statali quindi diepnderà solo dal Governo scegliere se supportare tali progetti a lungo termine.

3 comments

  1. Luigi

    Si avvicina la fine ed era ora.

  2. Gigi

    Spero davvero che si possa risolvere tutto al più presto

  3. tony grasso

    Sono un Sabbista irriducibile…, questa notizia mi solleva non di poco e speriamo che questa catastrofe finisca qui…,nuova linfa a questo prestigioso e grande marchio…In barba a alle dozzinali e banali Mercedes ,Audi , Bmw e company… G.M. hai fatto pena…
     

Lascia un commento