«

»

Giu 05

SAAB|news

Gli ex manager Saab disponibili per il nuovo proprietario

Una foto di Mr. Stig-Göran Larsson ex manager di Saab (Photo Credit: Ttela.se)

L’ex Staff di Saab disponibile…

La conosciuta testata svedese Ttela che ormai da tempo segue la vicenda Saab ha intervistato proprio oggi un ex manager del brand scandinavo di Trollhättan che come gran parte dei suoi colleghi conosce il vero stato di Saab ed il suo valore più di qualunque altro. Gli ex manager del brand svedese si dimostrano completamente disponibili ad aiutare il nuovo acquirente della massa fallimentare di Saab e come conferma Mr. Stig-Göran Larsson, ex Responsabile dello Sviluppo Tecnico “Siamo circa 60 persone che possono ridurre al minimo i disguidi legati ad una ripresa della produzione e siamo più che disponibili a sostenere il nuovo proprietario del marchio”. L’intervista con Mr. Larsson si è tenuta presso la sua abitazione e come molti ex dirigenti e dipendenti Saab si ritrova ora senza occupazione, negli anni novanta il manager scandinavo è stato Vice Presidente dello Sviluppo dei prodotti e del design di Saab, ed oggi crede di conoscere diversi dettagli che hanno portato l’azienda di Trollhättan in questa situazione. Il vero rischio non riguarda il valore dell’azienda, ma riguarda il know-how della forza lavoro voluta dal nuovo proprietario, secondo Mr. Larsson che conferma le sue preoccupazioni sulle esperienze richieste dal nuovo acquirente che desidera riavviare la produzione. Seguendo tali analisi Mr. Stig-Göran Larsson dichiara “Sono stato in contatto con gli Amministratori Fallimentari ed ho offerto i servizi di molti ex manager Saab. Con il nostro aiuto, sarà possibile accorciare i tempi di ripresa della produzione in due o tre mesi”. Oltre ad alcuni colloqui tenuti con gli Amministratori Fallimentari Mr. Larsson conferma di aver presentato una lettera al team di curatori fallimentari di Saab dove vengono elencati i 60 manager disponibili a contribuire con la propria esperienza sia per la ripresa di produzione che per i contatti con i fornitori, la parte commerciale, i rapporti con i diversi dealer e la valutazione tecnica dei modelli Saab. Una disponibilità completa che potrebbe avantaggiare non solo il lavoro del team di curatori fallimentari, ma anche e soprattutto quello del nuovo proprietario del brand scandinavo. Tra i diversi manager disponibili a “seguire” la vicenda Saab e rilanciare la sua ripresa appare anche Mr. Kjell ac Bergström, ex Direttore Esecutivo Sviluppo Prodotto Powertrain Saab, Mr. Jorgen Burnert, ex Vice Capo del Personale ed una serie di altri personaggi chiave che sono stati coinvolti nella storia di Saab negli ultimi decenni. “Spero che sia Mahindra che Zhejiang Youngman possano riavviare la produzione basandosi sulla tecnologia Saab esistente” conclude Mr. Larsson riferendosi chiaramente alle ambizioni “elettriche” di altri soggetti interessati.

3 comments

  1. nazario

    Certo ci consola sapere che tanti manager SAAB sono disponibili a un eventuale rientro: è garanzia che lo stile e lo spirito SAAB non spariranno. Però, qualcuno con un minimo di potere e di autorità solleciti gli amministratori fallimentari a tirare le conclusioni, senza cercare il pelo nell’uovo, perchè le disponibilità e tutto il resto non possono durare in eterno!!!

  2. Luigi

    Condivido quanto esposto da Nazario
    Il sostegno di manager capaci di far ripartire un azienda in pochi mesi è segno tangibile dello stile Saab.

  3. sandro48

    grande stile SAAB! si vede anche da queste cose … spero solo che chi verrà non lo dissipi altrimenti è una scatola vuota.

Lascia un commento