«

»

Giu 01

SAAB|news

L’Analisi Saab di Mr. Waldemar Lönnroth

Una foto di repertorio di Mr. Waldemar Lönnroth giornalista ed economista svedese (Photo Credit: Ttela.se)

Parola al giornalista economista…

Quale sarà il vero futuro di Saab? Come potrà sopravvivere o ripartire? Queste sono le domande principali che si pongono addetti ai lavori, appassionati e mass media che in questi mesi stanno seguendo l’intera vicenda Saab. Una nuova analisi del giornalista ed economista svedese Mr. Waldemar Lönnroth riesce a rispondere a questi quesiti e regala un nuovo sguardo all’affare che vede ormai da quasi un anno protagonista la casa di Trollhättan. “L’attuale situazione di Saab è conosciuta soltanto dagli Amministratori Fallimentari” esordisce Mr. Lönnroth che continuando nella sua analisi afferma “Sono stati diramati alcuni dettagli su una nuova possibile offerta di Zhejiang Youngman ieri, ma all’inizio di questa settimana si diceva che l’accordo doveva essere completato entro oggi ed il National Electric Vehicle Sweden era alla fine uno dei possibili favoriti. Insomma sembra ancora difficile poter tirare le somme ora, ma una cosa è certa, dopo la conferma che Mr. Victor Muller si trova in Svezia, la vicenda Saab sta arrivando al suo termine anche se la data definitiva non la conosce nessuno tranne ovviamente il team di curatori fallimentari”. Proprio su tale data il giornalista svedese dichiara “Era stato previsto da diversi media che la fine dell’affare Saab era il 31 Maggio 2012, ma tale data si è rivelata errata, d’altra parte le voci non sono quasi mai confermate nella realtà e la vendita di un marchio automobilistico non è certamente un facile e veloce affare. Gli Amministratori Fallimentari sono infatti alla ricerca dell’offerta migliore, capace di garantire non solo un tranquillo futuro al brand, ma anche di riappianare i debiti accumulati dal marchio e rimborsare diversi creditori ancora in attesa”. Per quanto tempo Saab potrà resistere con questo fermo di produzione? “Non posso fare previsioni, ma in una recente conferenza del Forum Automotive tenutasi ieri, ho parlato con molti esperti dell’affare Saab ed erano tutti preoccupati per il silenzio che sta diventando sempre più assordante e non sembra delineare nessun tipo di risposta concreta.

Come ho evidenziato prima, credo che tutto dipenda dall’offerta, credo che gli Amministratori siano in attesa di una nuova offerta più alta di quelle ricevute in modo da chiudere la bancarotta nel miglior modo possibile. Sarà un caso, ma da quando Zhejiang Youngman ha avanzato la sua offerta che secondo molti era stata ritenuta troppo bassa, i negoziati sono continuati e lo stesso soggetto cinese ha ampliato la sua proposta grazie ad un nuovo partner, anche se ciò è ancora da confermare“. Mr. Waldemar Lönnroth seguendo la stessa domanda continua “Al tempo stesso, si pone il problema tempistico, un processo prolungato è un bene per il valore del patrimonio, ma un lungo processo può danneggiarlo senza dubbio. L’Amministratore Delegato di Clepa che raccoglie la maggioranza di tutti i subappaltatori svedesi, Mr. Lars Holmqvist, ha spiegato in una sua recente intervista che ci sono forse un centinaio di fornitori in Europa che contano tra i loro principali clienti Saab e proprio loro potrebbero rivelarsi interessanti per il nuovo proprietario, ma il lungo processo compromette il loro valore e molti prodotti rimasti bloccati presso tali fornitori potrebbero essere smaltiti”. Il destino di Saab si rifletterà positivamente sulla popolazione? “La società era in crisi da molto tempo e la bancarotta è durata per oltre cinque mesi, non credo ci saranno soluzioni miracolose per i lavoratori, se c’è qualcuno che promette rose e fiori direi di rimanere abbastanza scettici”.

Lascia un commento