Giu 05

Quattro anni di attesa per i dipendenti Saab

Una foto scattata al Presidente di If Metall Mr. Håkan Scott (Photo Credit: Ttela.se)

Risposte dal Sindacato…

Il principale sindacato operaio di Trollhättan If Metall che rappresenta la maggioranza degli ormai ex lavoratori Saab ha segnalato alla stampa locale alcuni dettagli che vedono protagonisti le somme destinate ai lavoratori Saab. Secondo quanto segnalato dal Presidente di If Metall Mr. Håkan Scott gli ex dipendenti del marchio svedese Saab potranno ricevere la totalità dei propri Tfr, ferie retribuite e conguagli vari solo entro quattro anni. Molti dipendenti avevano lasciato i propri risparmi all’interno dell’azienda di Trollhättan quando la società è fallita nel Dicembre dello scorso anno e i diversi Trattamenti di fine rapporto e non solo sono rimaste “congelate” all’interno della massa fallimentare della società. Come hanno segnalato in precedenza gli Amministratori Fallimentari di Saab, per la precisione quando è stato segnalato l’inventario della massa fallimentare nel mese di Aprile, tali somme non potranno raggiungere i loro legittimi proprietari. Tali affermazioni derivano semplicemente dalle prime stime e dai calcoli effettuati dal team di curatori fallimentari sulla vendita del marchio automobilistico scandinavo, la vendita di Saab non sarebbe sufficiente per coprire le somme necessarie a garantire ciò che spetta agli ex lavoratori, ma tale somma coprirà in piccola parte i debiti contratti dalla società con alcuni dei suoi fornitori che avranno la priorità sugli ex dipendenti Saab. Sul portale web degli Amministratori Fallimentari è inoltre segnalato che gli importi finali saranno delineati tra diversi creditori e saranno segnalati in dettaglio, ma secondo lo stesso Presidente di If Metall i lavoratori di Trollhättan potranno ottenere i loro soldi solo tra alcuni anni “Un’ipotesi plausibile è che non ci saranno soldi, ma questa rimane solo un ipotesi, non si può dare nulla per certo fino a quando non sarà ufficializzata la vendita del brand” afferma Mr. Håkan Scott che continua “I lavoratori potranno recuperare i loro Tfr ed i fondi a loro dovuti solo grazie al sostegno statale e ciò accadrà tra alcuni anni”. Si prevede quindi un periodo davvero duro per gli ex dipendenti Saab e per i 1400 membri del Sindacato If Metall che hanno perso il lavoro a Trollhättan, seguiremo come sempre l’evoluzione della vicenda.